TI Media: Persidera cerca un nuovo socio entro l’anno

ti media gruppo espressoSi è appena chiusa l’integrazione tra gli asset tv di Telecom Italia Media e dell’Espresso, ma Persidera, il nuovo operatore di rete da 450 milioni che unisce 5 multiplex  digitali terrestri, parte già alla ricerca di un nuovo socio.

In questi giorni – secondo quanto risulta a Radiocor – gli advisor Imi e Mediobanca stanno inviando il dossier a uno stretto numero di investitori interessati, principalmente fondi di private equity, per un’operazione che punta a chiudersi entro fine anno con l’ingresso di un nuovo azionista di peso o anche con la vendita in toto da parte dei due attuali soci industriali.

Per il momento, la presentazione sul tavolo dei potenziali acquirenti non esclude alcuna ipotesi sulle dimensioni del riassetto, ma non è un mistero che l’intera operazione Persidera – conclusasi il 30 giugno con l’integrazione di Rete A in Telecom Italia Media Broadcasting – sia nata con la volontà da parte di Telecom e dell’Espresso di valorizzare un’ampia porzione della partecipazione detenuta negli asset televisivi.

La procedura avviata in questi giorni da parte degli advisor prevede il rilascio, a cavallo dell’estate, di un information memorandum completo sull’attività di Persidera a favore degli investitori interessati per passare a discutere di valutazioni e di offerte vere e proprie a partire dall’autunno. Parallelamente, entro il mese di ottobre, si completerà la nuova struttura organizzativa della società post-fusione insieme all’integrazione dei dipendenti confluiti in Persidera: Telecom Italia Media Broadcasting porta in dote circa sessanta persone, Rete A una dozzina.

Dai documenti siglati all’atto del closing emerge che la nuova società, partecipata al 70% da TiMedia e al 30% dall’Espresso, è stata valutata – sulla base delle perizie per il conferimento di Rete A – tra i 400 e i 450 milioni in termini di equity value: l’operatore di rete può contare su tre multiplex ex Telecom per la trasmissione del segnale televisivo e su due multiplex ex Espresso e avrà un fatturato stimato in circa 100 milioni. I rapporti tra il gruppo tlc e l’azienda editoriale romana sono regolati diritti di prelazione, co-vendita e trascinamento nel caso in cui uno dei due intenda cedere a terzi la propria partecipazione nella società.

Fonti: finanza-mercati.ilsole24ore.com | Il Sole 24 Ore Radiocor

 

Scritto da