Rossotto: Rai Way non è contendibile. Ei Towers alla Consob: nessuna modifica dell’opas

rai way antenne

Il presidente di Rai Way, Camillo Rossotto, in audizione alla Commissione industria del Senato, commenta l’assalto alle torri Rai da parte di Mediaset: «L’opas di Ei Towers su Rai Way non ha precedenti, dal momento che la società non è contendibile».

«Questa opas nella prospettiva di Rai Way è un’opa unsolicited, non sollecitata, non negoziata». Rossotto  ha spiegato di aver appreso dell’offerta dal comunicato trasmesso da Ei Towers. «L’ho letto alle 5 di mattina» del 25 febbraio, ha detto. «Un’opa volontaria e totalitaria su un’azienda di cui lo Stato detiene il 65%» e su cui è stato posto un vincolo a mantenere in mano pubblica il 51% «non ha precedenti», ha sottolineato Rossotto.

Il presidente di Rai Way, interpellato dal presidente della commissione Massimo Mucchetti su quando e come la società sia stata informata dell’offerta pubblica di acquisto e scambio di Ei Towers, ha detto che il comunicato della società di Mediaset è stato trasmesso il 25 febbraio e inviato a Rai Way la sera precedente via pec alle 23.45: «io – ha aggiunto Rossotto – l’ho letto alle 5 di mattina».

In merito alla gara per le torri Wind, Rossotto, rispondendo a una domanda della Commissione del Senato, ha ammesso: «Abbiamo guardato all’asset, come tutti gli operatori di sistema». Quell’asset «è poi andato ad un multiplo molto alto che poi è andato ad Abertis. Chapeau a Wind che ha intuito il momento».

Nei giorni scorsi è spuntata inoltre l’ipotesi di un grande polo italiano delle torri. Rossotto non commenta: «Sono in passivity rule (regola che vieta azioni difensive senza il consenso dell’assemblea – ndr) e non sono in grado né in condizione di commentare nessuna operazione che modifichi il perimetro della società». Secondo Rossotto comunque la costituzione di una public company per un’unico operatore di rete potrebbe essere una soluzione futuribile: «In tempi non sospetti – ha aggiunto a margine di un’audizione – avevo parlato della razionalità di un polo infrastrutturale unico facendo riferimento a Paesi razionali come la Francia, dopo c’è un operatore indipendente in grado di ottimizzare gli investimenti».

Nel frattempo è terminato questa mattina l’incontro tra i vertici di Ei Towers e la Consob. Guido Barbieri, ad di Ei Towers, ha affermato che la riunione è stata molto serena e costruttiva. «Abbiamo ribadito la bontà e la solidità del progetto industriale». Lo ha detto Guido Barbieri, ad di Ei Towers.

In una nota della società controllata dal gruppo Mediaset: «Nel corso dell’odierno incontro con la Consob Ei Towers ha confermato che, nei tempi di legge e di regolamento, depositerà in Consob il documento di offerta su Rai Way e che non sono previste modifiche dei termini e condizioni dell’offerta rispetto a quanto indicato nel comunicato del 24 febbraio».

Al termine dell’audizione presso l’autority a Milano, Barbieri a dichiarato: «Confermo che i vertici di Rai Way non avevano conoscenza della nostra offerta, questo è ovvio». L’ad ha infine assicurato che non è stato chiesto un incontro con i vertici della Rai.

Fonte: Ansa | MF-DJ | borsaitaliana.it

Scritto da