Digitale terrestre Basilicata: il Tgr Rai che non si vede

rai basilicataAnche il TG Regionale Rai Basilicata entra nell’era digitale, all’interno del processo di digitalizzazione delle testate delle sedi regionali della tv di Stato. Ma in molte zone della Lucania, ormai da 2 anni, gli stessi programmi Rai non si possono riceve, digitalizzati o no.

«Sono ancora oggi tanti i disservizi in diversi comuni della regione – ha dichiarato Gianluigi Laguardia, neo componente del Corecom di Basilicata – per quei lucani che pagando regolarmente il canone del servizio pubblico non ricevono il segnale del Tgr di Basilicata e sono costretti a seguire loro malgrado i Tg di altre regioni limitrofe».

«Ci auguriamo che con la completa fase di start del digitale della testata giornalistica di Basilicata, l’informazione sia realmente più vicina e visibile anche a tutti i lucani», ha continuato Laguardia. Ma «è impensabile come con le innovative e sempre più aggiornate tecnologie e televisori di alta definizione, ci si ritrovi di fronte a disservizi che, forse, vanno oltre la particolare orografia del territorio e per cui si rende necessario che il Corecom chieda un incontro urgente con i vertici della sede Rai di Basilicata e Rai Way per affrontare e dirimere una questione che merita soluzione in tempi ragionevoli e con l’impiego di tutti gli sforzi tecnici ed anche economici necessari».

Nel ricordare che la questione è stata più volte sollecitata anche con rimostranze di sindaci, amministratori comunali, regionali, parlamentari e di numerosi comitati spontanei di liberi cittadini, Laguardia ha annunciato che chiederà al presidente e ai componenti dell’organismo regionale della Basilicata di iscrivere la questione tra le priorità da affrontare nella programmazione delle attività, come tra l’altro sottolineato anche dai vertici dell’Ufficio di Presidenza del Consiglio regionale della Basilicata nel corso della seduta di insediamento del Corecom.

«Le notizie e l’informazione di quanto accade in Basilicata devono essere sempre vicine ai lucani – ha concluso Laguardia – considerato anche il lavoro puntuale e gli sforzi dei colleghi giornalisti e dei tecnici che meritano di poter essere seguiti dai tanti Lucani che attendono quotidianamente di conoscere fatti di cronaca, politica e soprattutto i tanti eventi e le lodevoli iniziative promosse sul nostro territorio».

In merito all’assenza dei segnali Rai Basilicata in diversi comuni lucani il presidente del Corecom, Giuditta Lamorte, ha dichiarato che «il Corecom Basilicata, in seguito alle numerose lamentele relativamente alla ricezione difettosa del segnale in digitale terrestre in molte zone della regione, ha iniziato, già con i precedenti Presidenti, una intensa attività di discussione e confronto con Rai e Rai Way».

«Le principali problematiche interferenziali – ha aggiunto Lamorte – sono concentrate sulla costa ionica e non solo. La ricezione di alcuni impianti principali di Rai Way, da quando si è passati al digitale, è notevolmente degradata a causa delle emissioni private provenienti dalla Puglia. Tutte le situazioni interferenziali sono state da subito segnalate, sia da parte del Corecom Basilicata, sia da parte di Rai e di Rai Way, agli appositi Ispettorati territoriali del Mise-Dipartimento Comunicazioni e, in diversi casi, sono stati svolti sopralluoghi tecnici congiunti col Mise che ne hanno attestato lo stato».

L’Agcom, di cui il Corecom è organo, ha, altresì, disposto in diverse regioni in cui si verificano tali criticità, tra cui la Basilicata, l’attuazione di un piano di ricanalizzazione che ‘dovrebbè risolvere il problema. Già prima del periodo estivo, subito dopo l’insediamento del Corecom Basilicata i referenti di Rai e Rai Way si sono resi disponibili a partecipare a un tavolo di discussione che si terrà nei primi di settembre. Invito che verrà esteso anche al Ministero competente. Il Corecom Basilicata, da sempre impegnato nella tutela dei cittadini utenti, del sistema complessivo delle comunicazioni e dell’informazione e in linea con quanto già intrapreso dai precedenti Comitati – ha concluso Lamorte – si attiverà in ogni modo per affrontare e concorrere a risolvere i problemi».

Fonte: lagazzettadelmezzogiorno.it

Scritto da