Digitale terrestre Novara: il mistero dei canali Rai oscurati

Il segnale tv in Piemonte, e in particolare nella provincia di Novara, torna a fare le bizze. I programmi sono disturbati oppure, peggio, sul video appare la scritta «assenza di segnale». È il caso del canale 23 UHF del digitale terrestre, fonte di disservizi da lunedì con lo spostamento voluto dal ministero dello Sviluppo economico delle trasmissioni di Tele Cupole sulle stesse frequenze (!) del Mux1 della Rai. Un clamoroso disguido che ha fatto ripiombare tanti novaresi nell’isteria che aveva caratterizzato il primo e mai dimenticato passaggio dal sistema analogico a quello digitale.

«La situazione è disperata – spiega l’antennista Mauro Malandra, di Novara -. Non si riesce a stare dietro alle telefonate degli utenti. Il problema riguarda chi ha l’antenna terrestre rivolta verso il Monte Penice da dove sul canale 23 si irradiano le trasmissioni del Mux1 che comprende Rai1, Rai2, Rai3 Lombardia, Rai News. Anche a Tele Cupole è stato imposto di trasmettere sullo stesso canale. Il risultato è una situazione d’interferenza che non permette di vedere nulla». Quanto trasmesso dalla Rai, con il segnale di Rai3 Piemonte, è possibile captarlo impostando il canale 22 UHF che a sua volta però non è immune dalle interferenze provocate da Tele Piacenza.

Il solito caos delle frequenze tv. I telespettatori sono esasperati. Anche ieri, decine di telefonate in redazione a La Stampa . Paolo Macciotta, di via San Francesco D’Assisi a Novara, segnala il disservizio: «Da lunedì la tv è inguardabile. Lo schermo è completamente nero. La Rai imputa le colpe al Ministero. Sembra uno scaricabarile ma intanto a pagarne le conseguenze, e il canone, ci pensa il cittadino». Unica soluzione pazientare sperando che i fruitori dell’etere si mettano d’accordo sull’utilizzo delle frequenze.

Fonte: lastampa.it

Scritto da