Niente Rai 3 Regione sul digitale terrestre in Emilia-Romagna

Nella regione dell’Emilia-Romagna i grossi disagi del passaggio alla tv digitale terrestre sembrano non finire mai. Dopo l’oscuramento continuativo di numerose emittenti nazionali e locali sugli schermi dei cittadini emiliani e romagnoli, e i problemi di numerazione di tanti canali tv, permane senza soluzione l’assenza del canale pubblico Rai 3 che trasmette il telegiornale regionale Emilia-Romagna.

Secondo i dati raccolti dal Corecom regionale e pubblicati dal quotidiano La Repubblica, il 35% dei cittadini dell’intera regione a più di un mese dallo Switch-off riesce a sintonizzare solamente Rai 3 Veneto. Le grosse difficoltà di ricezione vengono denunciate dagli abbonati Rai della provincia di Ferrara, da Faenza, da alcune zone di Bologna, nell’imolese, e in provincia di Ravenna e Rimini.

E come accade in Veneto orientale e in Friuli Venezia Giulia, le proteste dei telespettatori salgono d’intensità giorno dopo giorno, fino ad arrivare alle minacce di astensione del pagamento del Canone Rai, testimoniate da una lettera di alcuni cittadini bolognesi inviata alla redazione di La Repubblica. Il Corecom Emilia-Romagna è al lavoro sul problema già da prima di Natale e insieme ai rappresentanti della Rai cercano una soluzione più rapida possibile.

Il Comitato Regionale per le Comunicazioni consiglia agli utenti tv due operazioni tecniche che potrebbero in parte risolvere le problematiche di ricezione: la prima sui propri decoder o tv con sintonizzatore integrato, la seconda invece sull’impianto d’antenna attraverso l’operato di un tecnico antennista.

La prima operazione consigliata potrebbe risolvere un funzionamento errato del proprio decoder o tv che in occasione della risintonizzazione dello Switch-off di dicembre ha posizionato automaticamente il canale in una numerazione sbagliata. Perciò se il segnale di Rai 3 Emilia-Romagna è già presente nella lista dei canali in una posizione differente (in genere si trova in fondo alla lista), è sufficiente spostarlo al numero 3 usando la funzione “spostamento canali” o “riordina canali” dal menù delle opzioni del decoder o del televisore. Se invece, il segnale di Rai 3 Emilia Romagna non è mai stato sintonizzato dal decoder e non è presente nella lista dei canali si dovrà fare una sintonizzazione manuale, ricercando la giusta frequenza del mux di Rai 3 Emilia Romagna (di solito sul canale 24 UHF), memorizzandola poi il canale al numero 3 della lista dei canali.

Ma il problema della mancanza del canale pubblico in realtà è da ricercare a monte, dalla fonte di emissione dei segnali Rai, che secondo i più esperti non trasmette con adeguata potenza. Infatti sembrerebbe che i segnali provenienti dai ripetitori del Veneto (che trasportano solo Rai 3 Regione Veneto) siano molto più forti rispetto a quelli provenienti dalla stazione di Monte Barbiano in provincia di Bologna (che invece trasmettono Rai 3 Emilia-Romagna). E la maggior parte dei decoder e dei tv degli abbonati sintonizzano in automatico solamente i segnali più forti e stabili eliminando inesorabilmente dalla ricezione  il multiplex contenente la Rai Emilia-Romagna.

Anche qui il Corecom ha proposto alcune soluzioni: scartata l’ipotesi della trasmissione del canale dal ripetitore di Monte Venda (Veneto) su un’altra frequenza che non è disponibile, ed escluso pure l’uso delle frequenze di una tv locale, dato che per disposizione dell’Agcom e del Ministero delle comunicazioni dovrebbe essere vietato, l’unica soluzione realistica, a carico però degli abbonati, sembra essere l’adeguamento tecnico delle antenne. Insomma per vedere il TGR regionale, il Corecom se ne lava le mani e consiglia ai telespettatori di pagare l’intervento di un tecnico antennista per orientare correttamente l’antenna verso il ripetitore di Monte Barbiano.

Scritto da