Mediaset: ok da Ministero Sviluppo, al Biscione la quinta frequenza per il digitale terrestre

Mediaset porta a cinque le sue frequenze tv del digitale terrestre, il massimo consentito dalla normativa vigente. E’ quanto indicato nella relazione semestrale consultata da Radiocor.

Il gruppo di Cologno Monzese ha ottenuto infatti il via libera del Ministero dello Sviluppo per trasformare alla tecnica digitale la frequenza già  in suo possesso che inizialmente avrebbe dovuto essere utilizzata per la tv sui telefoni cellulari. “In data 27 giugno 2013 il Ministero dello Sviluppo Economico – si legge nel documento – a seguito del parere positivo dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, ha autorizzato Elettronica Industriale alla conversione dalla tecnica DVB-H alla tecnica DVB-T del multiplex denominato Mediaset 3“.

La “quinta frequenza” Mediaset (sul canale 38 UHF, 610 MHz in quasi tutta Italia) è stata negli ultimi anni al centro di un ampio dibattito, anche politico e non solo nel mondo della comunicazione, soprattutto in relazione al beauty contest con cui l’ultimo governo Berlusconi intendeva assegnare le frequenze tv del dividendo digitale. Da una parte infatti c’era la possibilità che Mediaset, così come Rai, prendesse parte a tale beauty contest (la famosa e contestatissima assegnazione gratutita dei canali, poi annullata) per acquisire ulteriori frequenze di trasmissione oltre alle quattro già possedute, dall’altra – in base al recepimento della normativa Ue sulla neutralità tecnologica – si apriva per Mediaset (ma anche per Rai) l’opportunità di convertire le frequenze DVB-H dei telefonini alla tecnica digitale terretstre.

L’annullamento del beauty contest e la determinazione del regolamento di gara per l’asta sulle frequenze (non ancora iniziata) che fissa in cinque il tetto di multiplex massimo per un singolo operatore ha di fatto tagliato fuori Mediaset e Rai dalla procedura e suggerito al gruppo di Cologno Monzese di avviare immediatamente la conversione dell’ultimo multiplex a disposizione.

Fonte: RadioCor

Scritto da