La7 e Feltrinelli insieme per la nuova tv multipiattaforma

Effe2005 – gruppo Feltrinelli e La7 hanno siglato l’accordo per la creazione di una società che punta a dare vita, entro la primavera 2013, a un nuovo canale multipiattaforma su tv, Internet e mobile. La notizia, anticipata questa estate da Tv Digital Divide, è riportata da una nota congiunta che aggiunge che la newco sarà partecipata al 70% da Gruppo Feltrinelli e al 30% dall’emittente attualmente di proprietà del gruppo Telecom Italia Media.

Si tratterà, sempre a detta degli interessati, di un canale innovativo, di intrattenimento e approfondimento “diretto a un pubblico con attitudine al confronto, curioso e attento alla propria crescita culturale”. La responsabilità della società mista è stata affidata all’amministratore delegato Gianluca Paladini (ex Rcs) affiancato dal giornalista Gad Lerner come presidente del comitato editoriale. Il debutto della newco La7–Feltrinelli avverrà prima sul digitale e poi sugli altri circuiti. La raccolta pubblicitaria sarà affidata alla concessionaria Prs Media Group, top player nel settore kids.

«In uno scenario di crisi e forte accelerazione dell’evoluzione dei comportamenti di consumo non potevamo smettere di investire sul futuro, in coerenza con la nostra tradizione di innovatori e con il percorso intrapreso di diversificazione delle nostre attività» ha commentato Carlo Feltrinelli, presidente dell’omonimo gruppo editoriale. «Abbiamo deciso di affiancare il gruppo Feltrinelli in questa nuova avventura che porterà alla nascita di un prodotto tanto inedito quanto stimolante per l’intero panorama mediatico – ha aggiunto Giovanni Stella, presidente di La7 – perché siamo da sempre attenti all’innovazione e alla sperimentazione di nuove forme di intrattenimento che sappiano coniugare un’elevata qualità dei contenuti con un approccio aperto, senza dimenticare la nostra attenzione al servizio pubblico». Nell’operazione il gruppo Feltrinelli è stato affiancato dallo studio Portolano Cavallo mentre per la newco il consulente è Mbs.

Scritto da