Digitale terrestre Puglia: segnale debole a Putignano

A quattro mesi dall’avvento del digitale terrestre a Putignano (Bari), sono innumerevoli i problemi del nuovo sistema di trasmissione televisiva che sta facendo letteralmente saltare i nervi ai telespettatori per assenze di segnale, canali introvabili, confusione delle frequenze, problemi di sintonizzazione, disturbi e interferenze di ogni genere.

Il Corecom Puglia, attraverso le segnalazioni raccolte dalle associazioni dei consumatori, ha raccolto le disfunzioni che si verificano quotidianamente nella nostra cittadina: «segnale debole e frequente blocco di immagine su Rai e Mediaset specie nel primo pomeriggio e sera». Secondo tecnici e antennisti, i problemi si protrarranno, per cui l’invito è tentare una nuova sintonizzazione delle frequenze, nella speranza di ritrovare i canali persi.

A seguito delle innumerevoli lamentele pervenute da parte della cittadinanza putignanese, il Sindaco avv. Gianvincenzo Angelini De Miccolis ha contattato gli organi competenti per comunicare il mancato funzionamento sul territorio di Putignano del Digitale Terrestre, ottenendo a riguardo rassicurazioni che nei prossimi giorni saranno effettuate verifiche per quanto attiene il funzionamento dei canali Rai da parte di una squadra di esperti.

«La transizione al digitale terrestre fa capo al Ministero delle Comunicazioni, per cui d’intesa con il Coordinamento nazionale dei Corecom abbiamo sollecitato un incontro urgente con il ministro Passera allo scopo di verificare ogni opportuno intervento si renda necessario per superare o limitare i disagi degli utenti – osserva il presidente del Consiglio regionale della Puglia, Onofrio Introna. – Le disfunzioni comportano un parziale, quando non totale, black-out dell’informazione. Un deficit di democrazia, una situazione “inaccettabile” tanto più di fronte alla corresponsione di canone da parte degli utenti, come accade per il servizio pubblico».

«Il Corecom ha cercato di venire incontro alle attese degli utenti, mettendo in atto alcune misure di pronta attuazione – fa notare il presidente pugliese. – Si va dalla convocazione presso il Corecom dei responsabili Rai, Mediaset e La 7 per rivedere il puntamento degli impianti nelle zone ad alta criticità, con la collaborazione dell’Ispettorato Territoriale delle Comunicazioni. Rai e Mediaset dovranno anche correggere la cattiva sintonizzazione dei ripetitori e dare ampia comunicazione all’utenza sulle soluzioni».

«Saranno coinvolte le emittenti locali che hanno a loro volta problemi di diffusione del segnale e si punta a consolidare il rapporto con le associazioni dei consumatori, per continuare il monitoraggio, attraverso i loro punti di ascolto. Spiegazioni e risposte dei tecnici Rai e Mediaset verranno diffuse sui siti istituzionali di Regione e Comuni. Verranno inoltre pubblicizzati i numeri assegnati alle emittenti sul telecomando, per facilitare il riconoscimento tra le tante frequenze disponibili – conclude la nota del presidente del Consiglio Regionale». Purtroppo però i numeri dei canali subiranno probabili e traumatici cambiamenti, in seguito alle recenti sentenze del Consiglio di Stato, creando tra gli utenti un’ulteriore e infinata confusione.

Fonte: putignanoweb.it

Scritto da