Switch-off Toscana: dall’Uncem le mappe delle zone oscurate dal digitale terrestre

Continua il lavoro della Sala Operativa dell’Uncem Toscana e della Regione Toscana di monitoraggio dello Switch-off del digitale terrestre, concluso il 23 novembre, e di coordinamento degli interventi per risolvere le problematiche del passaggio. Nonostante i buoni esiti dei lavori della transizione alla tv digitale, se messi al confronto con altre regioni all digital, permangono i disagi e gli oscuramenti di molte aree della Toscana.

L’Uncem, come promesso dal presidente Oreste Giurlani, ha predisposto, grazie alle segnalazioni delle amministrazioni locali e dei cittadini, un’accurata mappatura delle zone prive ancora di televisione, dove le tv nazionali (Rai, Mediaset e La7) evidenziano grosse difficoltà di copertura del segnale tv. I tecnici delle emittenti nazionali comunque stanno pian piano attuando tutti i sopralluoghi necessari per misurare ed adeguare la diffusione dei segnali tv, ottimizzando e sincronizzando le frequenze ed eliminando le interferenze.

Mappa Rai: il segnale della tv pubblica è assente in alcune zone di grandi dimensioni vicino a Firenze e Prato, in molti comuni montani, a Greve in Chianti, vicino a Firenze nella zona di Vicchio. L’oscuramento dei canali, come previsto è causato dal mancato adeguamento dei ripetitori di proprietà dell’ente comunale o montano. In alcuni casi il black out dipende dalla scarsa copertura Rai con i ripetitori Rai Way. Dalle rilevazioni di Uncem sono 16 gli impianti non Rai in tutta la Toscana da aggiornare entro Natale. L’adeguamento tecnico della stazione tv (dal costo medio 15-20 mila euro) è a carico dell’ente locale che può usufruire però dei finanziamenti della Regione Toscona. Gli impianti: la Torraccia a San Bucca Pistoiese, a Figline (Prato), Monte Vaio a Zeri (provincia di Massa), Pescaglia (impianto dell’Albereta prov. di Lucca), Badia Prataglia a Poppi (Arezzo), Farnocchia a Stazzema (Lucca), a Greti a Greve in Chianti, le Serrette Badia Tedalda vicino ad Arezzo, Monte Cervo a Pomarance in Provincia di Pisa, Pieve di Controne a  Bagni di Lucca , Prata di Cisigliana a Comano (Massa), Sasso di Castro a Fiorenzuola, Sasso Piano a S. Godenzo (Fi), impianto della Tagliata vicino a Poppi.

Mappa Mediaset: la prima tv privata nazionale fa registrare più problemi di copertura rispetto alla Rai nella regione. I disservizi si rilevano in montagna, ma anche in pianura. Gli oscuramenti dei canali Mediaset sono diffusi in centro a Firenze, sulla costa tirrenica, nella zona di Prato, nell’Appennino pistoiese. Mediaset Premium non si vede in molte zone della provincia di Firenze a Campo di Marte, Scandicci, Sesto Fiorentino. Il black out è spesso causato dal cambio di ripetitori che trasmettono il segnale e che costringerà gli utenti a girare le proprie antenne.
Mappa La7: dopo un’iniziale pessima copertura nei primi giorni di Switch-off, dovuta a problemi tecnici, il canale nazionale di TI Media e i mux di TIMB hanno recuperato gran parte della copertura nel territorio toscano. I disagi e gli oscuramenti anche in questo caso sono stati determinati dal cambio dei ripetitori.

Scritto da