Switch-off Toscana: restano molte criticità sulla ricezione dei segnali Mediaset e La7

Lo Switch-off della regione Toscana è terminato da quasi un mese. L’Uncem Toscana, dalla Sala Operativa allestita appositamente per il passaggio al digitale terrestre, nonostante il lodevole lavoro di coordinamento e supporto ai lavori di digitalizzazione, rileva ancora molte criticità locali sulla ricezione dei segnali tv.

Dalle numerose segnalazioni dei problemi di varia natura inviate dagli amministratori locali e dai frequenti disagi rilevati dai singoli cittadini, emerge ora la difficoltà di individuare la causa e l’origine delle problematiche di ricezione: bisogna infatti distinguere tra quelle che sono dovute alla mancata accensione dei ripetitori comunali, per le quali risultano confermate tutte le criticità precedentemente segnalate nei report della Sala Operativa, che ha predispoto anche delle mappe con le zone oscurate. Tali criticità vanno a confermare il censimento, che Uncem Toscana aveva fatto prima dello switch-off, individuando le zone che avrebbero dovuto riattivare i propri ripetitori locali. L’ente toscano ha già individuato 28 comuni (40 ripetitori) che necessitano di un intervento per digitalizzare la stazione tv gestita dalla stessa amministrazione pubblica. Una procedura che comporta sia l’autorizzazione del Minsitero dello sviluppo, sia l’accesso ai contributi regionali che dovrebbero coprire circa l’80% delle spese di conversione del ripetitore (15/20 mila euro sono i costi per ogni stazione).

La Sala Operativa ha contato dall’inizio del passaggio ben 613 segnalazioni provenienti da tutti i 287 comuni toscani, più di 2 per comune. Ma ha anche ricevuto, aprendo il servizio di assistenza e di supporto alla popolazione, e sostituendo di fatto l’inutile numero verde del Ministero dello sviluppo, migliaia di segnalazioni da parte dei cittadini che hanno notificato problemi di copertura in vari comuni (Campo nell’Elba, Cetona, Chitignano, Civitella Paganico, Dicomano, Gaiole in Chianti, Marciana (Isola d’Elba), Minucciano (LU), Monte Argentario, S. Sepolcro, Sinalunga).

Mentre per i segnali della Rai le difficoltà di ricezione nella regione si sono rilevate nelle zone appenniniche e in pratica nei 28 comuni individuati dal censimento dell’Uncem, in moltissime altre zone della Toscana sono state segnalate forti difficoltà per la ricezione dei canali Mediaset e La7: in questo caso si tratta spesso, invece, di problemi di sincronizzazione fra le reti, che dovranno quindi essere risolti sul territorio direttamente dalle squadre tecniche di Mediaset e La7.

I segnali di La7 registrano le maggiori difficoltà di trasmissione sul territorio: nelle aree a ridosso del Monte Amiata, nell’area del Livornese, nella parte montana in provincia di Pistoia, nella provincia di Massa, in provincia di Lucca zona di Camaiore, in provincia di Prato nei comuni di Cantagallo e Figline, nella provincia di Arezzo, nella zona del Chianti in provincia di Firenze, nel comune di Vicchio, e nella zona del Valdarno. Ma anche la copertura dei canali di Mediaset ha grossi problemi, ancora diffusa a macchia di leopardo: gli oscuramenti infatti sono stati segnalati nei comuni di Badia Tedalda, di Aulla, di Cantagallo, di Cutigliano, di Castagneto, nella città di Firenze, di Fiorenzuola, di Greve in Chianti, di Pescia, a Pistoia, di Pomarance, di Pontassieve, di S. Marcello Pistoiese, di Reggello, di Santaffiora, e in Val di pesa.

«I tecnici della Sala Operativa regionale – ha commentato il Presidente di Uncem Toscana Oreste Giurlani – stanno continuando a svolgere un attento lavoro di monitoraggio, procedendo ad identificare ogni volta la causa originaria delle problematiche di ricezione e segnalando tempestivamente alle squadre tecniche delle emittenti nazionali le zone di criticità emergenti sul territorio. Ovviamente le principali criticità riguardano le aree periferiche e montane, che sono le più penalizzate e per questo sono da sempre l’obiettivo principale di lavoro della Sala Operativa. Molti cittadini continuano a telefonare e a lamentare l’impossibilità di ricevere diversi canali sul proprio televisore: il nostro obiettivo è quello di far riaccendere al più presto i ripetitori locali, in modo che in Toscana tutti possano vedere la televisione prima delle festività natalizie. Ci auguriamo pertanto che anche le emittenti nazionali si attivino in tempi rapidi per risolvere le problematicità diffuse dei canali Mediaset e La7».

Domani giovedì 15 dicembre, grazie al contributo della Sala Operativa, i tecnici Rai Way attiveranno i segnali tv del Mux 1 Rai per i comuni di Comano e Licciana Nardi in provincia di Massa Carrara.

Scritto da