Regione Lazio, accordo sui prezzi di assistenza per il dtt

Ormai mancano pochi giorni allo switch-off nel Lazio. Il 16 novembre esordirà Roma e la sua provincia, poi via via tutte le altre, esclusi i comuni della provincia di Viterbo. Secondo l’associazione DGTVi il 90% degli utenti tv laziali è già in possesso di un decoder o una tv compatibile col dtt.  Solo il 5% dei telespettatori ne è sprovvisto e un altro 5% non è informato sul passaggio al digitale.

Come al solito si temono disservizi e oscuramenti di segnale già vissuti dai cittadini piemontesi, sardi, trentini e valdostani. Ma sull’eventuale ricorso dell’utente all’assistenza di un’antennista si può stare tranquilli. La Regione Lazio ha firmato un protocollo d’intesa con le associazioni di categoria degli Artigiani Installatori e le associazioni dei Consumatori e degli Utenti che ha fissato un prezzario indicativo per gli interventi di aggiornamento degli impianti per la ricezione della tv digitale terrestre.

L’accordo, che eviterà inoltre le truffe da parte di tecnici disonesti, prevede una serie di prezzi calmierati per diversi interventi d’assistenza sugli apparati di ricezione del digitale: dall’installazione del decoder al costo indicativo di 35 euro Iva inclusa (circa 10 euro in meno rispetto alla media nazionale), alla sostituzione dell’antenna terrestre o all’installazione di un’antenna parabolica (78 euro, Iva inclusa).

Per ogni altra informazione il call center del Ministero per le comunicazioni ha attivo il numero verde 800.022.000 che fino ad oggi ha accolto più di 600.000 chiamate.

Fonti: regione.lazio.it | mondotv.biz

Scritto da