Ultimi Posts

Ultime notizie

dicembre 10th, 10:00 am

Warner Music cresce con lo streaming

Warner Music Group ha riportato un incremento a doppia cifra dei ricavi del quarto trimestre, supportati dallo streaming musicale che ha trainato la crescita del settore digitale.

In particolare, la società ha registrato un aumento dei ricavi del 12%, a 841 milioni dollari (781 mln di euro), mentre la perdita si è attestata a 3 milioni di dollari (2,8 mln di euro), contro i 23 milioni di dollari (21,4 mln di euro) dello stesso periodo dello scorso anno. I ricavi del settore digitale hanno rappresentato il 46% del totale, contro il 42% di un anno fa.

Anche i biglietti dei concerti hanno contribuito agli ottimi risultati, mentre i ricavi della musica «non dal vivo» sono incrementati del 10,6%. La società, a maggio, ha dichiarato che, per la prima volta, i ricavi della musica in streaming hanno superato quelli del download digitale. (ItaliaOggi)
... Leggi TuttoSee Less

Guarda su Facebook

dicembre 10th, 9:44 am

Mediaset: Iris continua a crescere

Con film e serie tv di repertorio il canale nativo digitale di Mediaset registra gli ascolti più alti della concorrenza nell’autunno 2016. Iris ha raggiunto il suo record di audience proprio negli ultimi mesi: dal 4 settembre al 4 dicembre 2016, in prima serata, ha una media dell’1,78% di share, contro l’1,58% nel 2015 e l’1,39% nel 2014.

Da settembre a dicembre, sempre in prima serata, è davanti a Tv8 (1,71% di share), Real Time (1,37%), Rai Movie (1,35%) e Nove (1,18%), e anche nel singolo mese di novembre conduce la classifica (come già scritto ieri da ItaliaOggi) con l’1,76%, davanti a Tv8 (1,59%) e Real Time (1,38%).

La regina dei canali nativi digitali, in una stagione ipercompetitiva con gli investimenti di Sky su Tv8, di Discovery su Nove e Real Time, di Viacom su Paramount channel, ha costi molto bassi e una ricetta che più chiara non potrebbe: «Ascoltare cosa vuole il pubblico da casa», spiega Marco Costa, direttore dei canali tematici free di Mediaset, «e proporre cose semplici».

Iris, peraltro, unisce buoni ascolti a costi di budget piuttosto bassi: «Abbiamo un budget adeguato a una mini generalista. Un budget non lontano, lontanissimo da quello di Rete 4», assicura sorridendo Costa, «ma che ad esempio ci consente di viaggiare a una media dell’1,8% con l’A-Team in access prime time». (ItaliaOggi)
... Leggi TuttoSee Less

Guarda su Facebook

dicembre 8th, 12:57 pm

LA7 cambia frequenza!

Sta per concludersi il processo di migrazione alla nuova frequenza di LA7 sul digitale terrestre. Entro fine 2016 i segnali di LA7 saranno trasmessi solo sulla nuova frequenza.Se quando premi il tasto 7 del telecomando vedi ancora comparire "LA7 Provvisorio" e non "LA7", affrettati ad effettuare la sintonizzazione per verificare la ricezione della nuova frequenza. Nel frattempo puoi continuare a seguire LA7 Provvisorio al 107 e LA7d Provvisorio al 229.
... Leggi TuttoSee Less

Guarda su Facebook

dicembre 8th, 12:34 pm

Auditel, via al piano per le rilevazioni su tutti i device

Dal 2018 Auditel farà le misurazioni delle audience su tutti i device, non solo sulla tv tradizionale. Sarà un cambiamento lungo e traumatico in una fase in cui il second screen sta prendendo piede. Le rilevazioni attuali, come denunciato da Sky italia più volte, non rispecchiano il reale dato d'ascolto.

A quanto però risulta al Sole 24 Ore, in due consigli svolti a ottobre e novembre Auditel ha posto le basi per partire con la trasformazione già in evidente ritardo.

È evidente che la visione di prodotto tv attraverso smartphone e tablet è in crescita. Secondo gli ultimi risultati dell’annuale analisi di Ericsson – TV & Media Report 2016 – il 55% di intervistati dichiara infatti di preferire l’on-demand rispetto alla tv lineare, un dato aumentato rispetto al 2012 (quando era il 45%). Su un campione di 1000 persone che rappresenta di 26 milioni di italiani che hanno una connessione a banda larga e guardano contenuti televisivi almeno una volta a settimana.

E' già pronto il nuovo campione che vedrà unire alle 5.700 famiglie del campione cambiato nell’ultimo anno (dopo lo scandalo dell’email che ha svelato il campione a ottobre 2015, portando anche a uno stop dell’attività di Auditel e impattando sul cambio di presidente) il “superpanel” con 10.400 nuove famiglie. I risultati del superpanel non sono ancora pubblici e con ogni probabilità non lo saranno almeno per la prima parte del 2017.

Si attende chi dovrà elaborare la mole di dati in arrivo dai broadcaster dall'esito di una gara fra i tre principali player di questo mercato: Nielsen, Comscore o Gfk. Nel frattempo è arrivato a definizione un altro progetto che vede impegnata Auditel: la ricerca di base comune con Audiweb. L’intesa fra le due società sarebbe già stata sostanzialmente finalizzata. (Il Sole 24 Ore)
... Leggi TuttoSee Less

Guarda su Facebook

dicembre 8th, 12:17 pm

Rai, concessione verso il rinvio. Ipotesi di allungamento per sei mesi. Viale Mazzini vorrebbe un anno

La Rai spera nel decreto Mille proroghe. Nel quale inserire, innanzitutto, un prolungamento della scadenza dell’attuale concessione, già prorogata, per la seconda volta, al 31 gennaio.

Farcela per quella data appare quasi impossibile: il sottosegretario Antonello Giacomelli ha incontrato martedì il presidente e il direttore generale della Rai, Monica Maggioni e Antonio Campo Dall’Orto, per un primo colloquio sulla futura concessione decennale. Si è parlato anche della proroga: c’è l’ipotesi di prolungare quella attuale da tre a sei mesi (più probabili), quindi fino a luglio.

La Rai preferirebbe una proroga di un anno, per dar tempo di approfondire la questione al nuovo Governo e al nuovo Parlamento che s’insedieranno dopo le probabili elezioni di primavera. Fare in tempo per fine gennaio, comunque, è proibitivo: venerdì scorso, in una nota, lo stesso Giacomelli ha chiarito che non è “saltato” alcun consiglio dei ministri nel quale discutere la bozza di concessione, da inviare poi alla commissione di Vigilanza per il parere da rilasciare entro trenta giorni.

La bozza va ancora discussa con la Rai. In mezzo ci sono le consultazioni per il nuovo esecutivo e le festività natalizie. Tra gli effetti per l’azienda, quello di non poter approvare un Piano industriale triennale efficace senza sapere, ad esempio, se la bozza di convenzione prevederà, come sembra, che i limiti di affollamento pubblicitario, in particolare quello settimanale del 4%, si applichino su ciascuna emittente e non nella media delle emittenti come attualmente fa la Rai. La tv di Stato potrebbe perdere dai 50 ai 120 milioni.

La Rai attende il Milleproroghe con ansia soprattutto per evitare l’inserimento del servizio pubblico da parte dell’Istat nell’elenco delle pubbliche amministrazioni. La legge di stabilità approvata ieri mette l'azienda pubblica televisiva all'interno della spending review per gli enti pubblici.

Infine il tetto sugli stipendi Rai di 240mila euro annui, previsto dalla legge sull’editoria, potrebbe costringere il cda ad estenderlo ai contratti di collaborazione artistica. Risultato: boom di appalti esterni a società senza “tetto” e aumento dei costi. E la bozza del Piano dell’Informazione, prevedendo maggiori spese, rischierebbe di saltare. (Il Sole 24 Ore)
... Leggi TuttoSee Less

Guarda su Facebook

dicembre 7th, 3:39 pm

QVC si affida a M-Three Satcom-Giglio Group, per la diffusione del nuovo canale in HD sul satellite

Giglio Group (Aim Italia-Ticker GGTV), prima società di e-commerce 4.0, annuncia che il canale televisivo QVC si è affidata a M-Three Satcom (100% di Giglio Group) per la diffusione del nuovo canale in High Definition attraverso i satelliti HOTBIRD di Eutelsat a 13 gradi Est a partire dal 5 dicembre.

L'accordo con QVC, la piattaforma multimediale di shopping che raggiunge 360 milioni di utenti nel mondo tramite la TV via cavo, via satellite, il digitale terrestre e la piattaforma online, ha un valore complessivo di poco inferiore al milione di Euro e riguarda la gestione del segnale per il prossimo triennio e conferma il trend di crescita di M-Three della divisione broadcast & telco di Giglio Group e il perseguimento dei piani di transizione dei maggiori canali TV da Standard a High Definition.

Alessandro Giglio, Presidente di Giglio Group e di M-Three Satcom, commenta: " Grazie alla recente conferma della nuova struttura di distribuzione di HOTBIRD, che vede M-Three tra gli operatori ufficiali selezionati da Eutelsat per questo servizio, e alla crescente richiesta di qualità nella diffusione TV ottenibile con un agevole passaggio all'HD, il servizio HOTBIRD e la relazione con Eutelsat si confermano ancora una volta asset fondamentali per il gruppo".

Il teleporto di M-Three diffonde già dal 2010 il canale QVC in formato standard e continuerà a gestire lo stesso segnale parallelamente al nuovo canale in alta definizione, che ha visto il lancio ufficiale il 5 Dicembre 2016. Lo sviluppo tecnologico della divisione SatCom di Giglio Group è incentrato soprattutto sui servizi a clienti di alto target, come testimonia la recente attivazione di 4 nuovi canali in Alta Definizione e il supporto a Eutelsat, Eurovision e a primari attori internazionali nelle trasmissioni in 4K per eventi speciali come gli Europei di Calcio e alcune serie TV per RAI.

M-Three SatCom, società al 100% di Giglio Group, rappresenta un punto di riferimento per il settore broadcast e include tra i suoi clienti i maggiori network televisivi e radiofonici privati e pubblici, come: RAI, Mediaset, RTL102.5, Radio24, Viacom, Radio Deejay, Discovery, HSE24; QVC e molti altri broadcaster internazionali.
QVC è stato fondato nel 1986 negli Stati Uniti.

Oggi è il secondo network televisivo americano con un fatturato di 8,7 miliardi di dollari e opera come piattaforma multimediale di shopping globale con oltre 14 milioni di clienti tra Stati Uniti, Gran Bretagna, Germania, Giappone, Italia, Francia e Cina con una joint venture. QVC propone prodotti dei migliori brand di gioielleria, moda, bellezza, casa ed elettronica. Attraverso la TV (canale 32 Digitale Terrestre e tivùsat e canale 475 di Sky) e lo streaming sul sito web, QVC Italia offre 17 ore di diretta al giorno per 364 giorni l'anno con show che uniscono l'intrattenimento alla vendita. TV, web e social media sono i mezzi attraverso cui QVC riesce a creare anche relazioni autentiche e biunivoche, che si alimentano a vicenda per crescere costantemente.

Informazioni su M-Three SatCom Spa Fondata nel 2004, M-Three SatCom fornisce servizi e soluzioni di massimo livello per il settore broadcast radio televisivo, e per le aziende con particolari esigenze di collegamento e distribuzione delle informazioni.

La gamma dei servizi proposti è basata su tre business unit interdipendenti: Servizi di teleporto, caratterizzati da piattaforme di distribuzione in DTH su HOTBIRD 13 da Roma e Milano, numerose piattaforme di contribuzione sulla flotta di satelliti Eutelsat, servizi di colocation e connettività in fibra ottica; Outside Broadcast per la produzione e trasmissione in diretta di qualsiasi evento in ambito di news, sport o spettacolo, basati su OB Van e mezzi DSNG SD e HD, e su innovativi servizi via IP; System Integration propone soluzioni complete per tutta la catena di produzione in campo broadcast, dalla progettazione alla fornitura chiavi in mano di sistemi di compressione e consegna segnale.

M-Three SatCom fornisce i propri servizi ad alcuni dei principali network radio televisivi ed attori del mondo dei media, tra cui: RAI, Discovery, Viacom, Il gruppo Mediaset, La7, RTL102.5, Radio Deejay, CCTV, ESPN, Eurosport, Associated Press, NHK e molti altri.
... Leggi TuttoSee Less

Guarda su Facebook

Tv Convergente

Tv digitale terrestre

Digital divide

Copyright