TIMVision, fermi a quota 500 mila gli abbonati per la Serie A

timvision serie a offerta dazn abbonati

Dall’esame dei dati preliminari del terzo semestre, TIM registra una campagna abbonamenti di TIMVision Calcio e Sport deludente con solo 500 mila clienti conquistati ad oggi. Intanto ieri ancora tanti disservizi per l’app DAZN durante i match della quinta giornata della Serie A (più di mezz’ora di black out). 

Ieri il cda di TIM ha esaminato i dati preliminari del terzo trimestre, che dovranno essere approvati dallo stesso consiglio in agenda per il 27 ottobre. La notizia positiva è che si registra un forte rallentamento del calo di linee fisse, legata anche all’offerta di TIMvision (che registra ormai 1,5 milioni di abbonati) che fa da traino con il calcio della Serie A.

Quella negativa è che la campagna abbonamenti al calcio di DAZN compresa nell’offerta TIMVision Calcio e Sport va male rispetto alle previsioni. A fine settembre TIM avrebbe registrato circa mezzo milione di abbonati, perché in agosto per le ferie e in settembre per alcuni motivi tecnici i clienti avrebbero raffreddato i loro entusiasmi. A luglio il boom di abbonamenti quando TIM ha sfiorato quota 400 mila contratti per il campionato di calcio di Serie A in streaming. Poi la grande frenata di sottoscrizioni.

I piani iniziali prevedevano che alla fine del triennio TIM avrebbe raggiunto poco meno di 1,5 milioni di abbonati, un livello che le permetterebbe di realizzare un discreto margine. Ma al momento il gruppo sarebbe fermo a un terzo della strada, anche per colpa della pirateria (che l’azienda sta cercando di contrastare) e del fatto che più utenti condividono uno stesso abbonamento.

Tuttavia (secondo fonti finanziarie) TIM è fiduciosa di raggiungere un milione di abbonati entro la fine del campionato, a inizio della prossima estate, dato che i nuovi contratti continuano ad arrivare sia pure a singhiozzo. Per questo motivo l’ex Telecom Italia nel mese di settembre ha prorogato più volte il prezzo di offerta del pacchetto TIMVision Calcio e Sport in cerca di nuovi clienti. 

Dopo aver speso oltre 70 milioni nel primo trimestre tra rete, modem e multicast, e dopo essersi impegnata per 340 milioni l’anno per minimi garantiti con DAZN per i diritti TV della Serie A, per TIM la scommessa sul campionato rischia di pesare più del previsto sul bilancio 2021. A questo si aggiunge il fatto che la seconda tranche di aiuti alle famiglie (voucher) per la banda larga continua a non arrivare, un fattore che a fine giugno aveva costretto Gubitosi a rivedere al ribasso gli obiettivi per il 2021.

Tim, che a inizio 2021 stimava un margine lordo stabile, a metà anno ha invece previsto un calo del mol del 4-5%. Al momento la media degli analisti, che dal calcio a fine anno si aspettava 800-900 mila abbonati, stima che il margine lordo nel 2021 scenderà del 4,4% a 4,84 miliardi di euro. Un livello di redditività che, salvo colpi di coda nell’ultimo trimestre, adesso pare comunque difficile da raggiungere.

Black Out DAZN

Intanto ieri gli abbonati e tifosi del calcio hanno subito l’ennesimo disservizio da parte dello streaming di DAZN con un black out quasi totale della app su tutti i device nei primi trenta minuti dei match della quinta giornata di Serie A in programma alle ore 18:30. Il buio totale ha scatenato un’ondata di proteste sui social mentre sugli schermi di tv e device compariva la scritta che segnalava «la presenza di una anomalia che DAZN sta cercando di risolvere al più presto». 

DAZN si è scusata con un post su Facebook promettendo rimborsi per i suoi abbonati: «Abbiamo riscontrato un problema tecnico nel corso delle partite delle 18.30. Siamo dispiaciuti di quanto accaduto perché sappiamo quanto importante sia per tutti i tifosi poter seguire la propria squadra. Tutti gli utenti che sono stati impattati dal problema potranno usufruire di un indennizzo».

Pare che per gli utenti di TIMVision, che hanno seguito le partite Sampdoria-Napoli e Torino-Lazio, la diretta dei match sia andata meglio e senza interruzioni, grazie all’entrata in funzione del famoso sistema di backup del set-top-box di TIM che ha attivato automaticamente il canale DAZN Channel trasmesso sul digitale terrestre.

Meno di 48 ore fa la Commissione Trasporti, Poste e Telecomunicazioni della Camera ha dato il via libera alla risoluzione che invita il Governo a dare più poteri ad Agcom per controllare, ed eventualmente intervenire, su qualità del servizio e sulle misurazioni dell’ascolto di DAZN.

Fonte: La Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.