Tv Digital Divide - Articoli Postati nella Categoria " goverance rai "


  • Rai, Usigrai: “Sette riforme per una nuova tv pubblica”

    Sette riforme per cambiare il futuro della Rai. Le ha proposte l’Usigrai nel convegno #AgendaRai, in vista della prossima legislatura. Al primo punto – ha spiegato il segretario Vittorio Di Trapani, eletto lo scorso novembre – la riforma della legge Gasparri. Sul tema sono intervenuti diversi esponenti politici, oltre al dg Luigi Gubitosi. «I vertici […]


  • Rai: continua il valzer delle nomine politiche

    Chi comanda adesso in Rai? I tecnici o ancora i partiti? A giudicare dalla questione delle nomine viene da pensare che non sarà facile per il d.g. Luigi Gubitosi e il presidente Anna Maria Tarantola tagliare il cordone ombelicale che l’azienda ha con i politici. Il direttore di Raiuno Mauro Mazza è stato difeso con […]


  • Rai: ora il Pdl guida l’assalto alla Tarantola

    Come scrive stamane Carlo Tecce sul Fatto Quotidiano, Silvio Berlusconi ha vinto di misura in Commissione di Vigilanza: 4 consiglieri a 3 (compreso l’ondivago De Laurentiis, Udc) per mantenere il controllo in Rai. Ma non si accontenta e vuole e pretende ancora più in materia televisiva. L’ordine di servizio viene smistato attraverso ex ministri e […]


  • Rai: eletto il nuovo Cda. Zavoli: “l’azienda non sarà più come prima”

    La Rai ha (quasi) il nuovo Cda. Questa mattina la commissione parlamentare bicamerale di Vigilanza ha infatti eletto i 7 componenti di sua competenza, mentre per gli altri due – indicati dall’azionista di riferimento, il Ministero dell’Economia – c’è ancora da attendere formalmente qualche giorno prima che il nuovo governo dell’azienda di viale Mazzini sia […]


  • Rai: su nomine Cda pende il ricorso al Tar

    La commissione di Vigilanza potrà pure procedere domani alle nomine di sua pertinenza per il Cda Rai, ma resta pendente il giudizio del Tar sul ricorso del Codacons in merito alle indicazioni del premier Monti su presidente e direttore generale dell’azienda. Il Codacons ha infatti presentato ricorso al Tar del Lazio contro l’indicazione di Anna […]


  • Rai: valanga di curricula per il Cda

    L’iniziativa “aperta” del Pd sulle nomine Rai pare stia ottenendo un discreto seguito. Una valanga di curricula per il Cda di viale Mazzini, provenienti dalla società cosiddetta “civile”, stanno arrivando in Commissione di Vigilanza Rai e alla scadenza di lunedì alle 21 potrebbero essere molte centinaia. Da Lorella Zanardo a Daniela Brancati, da Carlo Freccero […]


  • Rai: svolta del Pd, si alle nomine dalla società civile

    Il Corriere della Sera di stamane annuncia fiducioso: il nodo Rai si scioglie. Con la solita verve buonista il quotidiano diretto da Ferruccio De Bortoli rivela che il Pd, inizialmente restio, voterà i nuovi consiglieri Rai. I nomi scelti dal partito di Bersani non saranno però uomini di partito ma bensì personaggi espressione della società […]


  • Nomine Rai: giovedì 21 giugno le votazioni per il Cda

    La Commissione parlamentare di Vigilanza sulla Rai comincerà a votare sui sette membri del Cda di sua competenza a partire da giovedì 21 giugno. Lo si apprende da fonnti parlamentari. I candidati potranno presentare i curricula entro lunedì 18 giugno. La decisione, si legge in una nota della Commissione, risponde all’esigenza di assicurare ai singoli […]



  • Caos Rai, Monti sceglie Enrico Bondi per la presidenza

    La Rai è nel caos, come era prevedibile. Saltati giovedì i palinsesti autunnali, con gli ascolti a picco e il Cda allo sbando, è andata all’aria anche la riunione straordianaria prevista ieri tra gli uomini del governo tecnico, con la partecipazione altrettanto straordinaria del premier Mario Monti. Il summit rimandato tra il professore, il sottosegretario […]


  • Rai: approvato bilancio 2011, il 6 giugno possibili nomine Cda

    L’assemblea degli azionisti Rai ha approvato oggi il bilancio consuntivo 2011 dell’azienda di viale Mazzini. Un bilancio – quello che a fine marzo era stato presentato dal direttore generale Lorenza Lei al Cda, che l’aveva preso in esame e pre-approvato – che si è chiuso con un attivo di 4,1 milioni di euro, dopo cinque […]


  • Rai: il governo rilancia la riforma (molto soft) di governance

    Sembrava tutto chiuso, almeno secondo le ultime dichiarazioni del ministro Giarda alla Camera. E invece Mario Monti riparte alla carica per cambiare la Rai. «Un’azienda che è l’esempio eclatante degli enti pubblici da rivedere. Un’azienda dove la logica dell’indipendenza dalla politica non è garantita», ha dichiarato tecnicamente il premier. Ma per una vera riforma di […]


  • Rai: addio riforma, il nuovo Cda con le vecchie regole dei partiti

    Come previsto il governo ufficializza la grande frenata sulla Rai. Niente nuova governance per Viale Mazzini. Il cda verrà rinnovato con le vecchie regole della Gasparri, ossia 7 consiglieri selezionati accuratamente dai partiti e votati in commissione di Vigilanza, 2 membri del Cda scelti dal ministero dell’Economia. Tra questi ultimi uscirà fuori il presidente che […]


  • Rai: parte in Parlamento la discussione per la riforma

    Gli uffici di presidenza delle commissioni Trasporti e Cultura della Camera, riuniti in sede congiunta, hanno deciso di avviare la discussione in sede referente delle proposte di riforma della Rai. Una riforma che però potrebbe rivelarsi un fuoco di paglia nell’ottica dell’indipendenza della tv di Stato dalla politica. L’esame inizierà il 3 maggio, il giorno […]


  • Rai: il Pdl rispolvera Lei, ma sul dg incombe un deficit da 200 mln

    Il dg Lorenza Lei è in campagna elettorale, a caccia di un improbabile secondo mandato Rai, nonostante gli appoggi politici e religiosi che l’avevano proiettata ai vertici di viale Mazzini, cioè il Pdl e la Cei, siano molto più freddi. Proprio ieri le quotazioni della Lei sono però risalite secondo le parole di Alfano: «Il direttore […]


  • Rai: il piano (impossibile) di Monti, nessun politico in Cda

    La riforma soft della Rai pensata dal governo Monti continua a far nascere mille ipotesi di cambiamento. Una revisione promessa del sistema televisivo pubblico, ma ancora lontana e incerta, del tutto simile a quella fatta per la gara a beauty contest per le frequenze tv. La legge Gasparri non si tocca (ha imposto il Pdl), […]


  • Rai: ipotesi proroga Cda, mentre la Lega punta alla presidenza

    Il Cda Rai si avvia alla scadenza prevista per il 28 marzo, giorno della pubblicazione del Bilancio, e ancora non si sa cosa accadrà. Scartata l’ipotesi di revisione della legge Gasparri, il governo, sotto  le pressioni del Pdl,  starebbe pensando a una riforma soft di governance con l’elezione di un direttore generale-commissario dai super poteri. […]


  • Rai, Verna (Usigrai): “Da commissariare è la politica”

    La Rai è stanzialmente meno costosa e più seguita delle televisioni pubbliche di Gran Bretagna, Germania e Francia, quindi ad essere commissariata non dovrebbe essere la televisione di Stato, ma la politica e la sua invadenza. Lo afferma in un comunicato il segretario dell’Usigrai, Carlo Verna. «I conti e il loro risanamento non sono la […]


  • Rai: tre ipotesi di riforma soft

    Dopo il nulla di fatto del vertice di giovedì scorso, il governo Monti ha chiarito che quella dell’adozione in Rai del direttore generale–commissario con i super-poteri è un’ipotesi limite. L’esecutivo tecnico vorrebbe cambiare almeno alcune delle posizioni chiave dei vertici di viale Mazzini, ma sarà costretto dal Pdl a mantenere la legge Gasparri e i […]


Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com