Disney punta sullo streaming ed è pronta a spegnere 100 canali TV

disneyplus disney+

Disney punta decisamente sullo streaming e affila le armi nel duello con Netflix. Nel secondo trimestre fiscale le attività online del colosso USA hanno portato a una crescita dei ricavi da 2,5 mld di dollari a 4 miliardi.

Per Disney il futuro è sempre più in streaming. Se ne avrà ulteriore prova nel 2021, con la chiusura di 100 dei suoi canali TV internazionali. A dare la notizia e l’indicazione che il gigante dei media e dell’intrattenimento virerà in direzione dello streaming, a scapito anche della distribuzione tradi­zionale, è stato il ceo Bob Chapek, intervenendo alla conference sulla tecnologia e i media di JP Morgan Chase&Co. I 100 canali in dismissione si aggiungeranno alle 30 reti già chiuse lo scorso anno.

«La grande maggioranza di quei contenuti migrerà verso Disney+», ha sottolineato Chapek evidenziando la volontà di concentrarsi sul “direct-to- consumer”. Lo streaming ha portato ricavi per 4 miliardi di dollari nel se­condo trimestre fiscale dell’anno, in crescita rispetto ai 2,5 del 2020.

Ed è questo il terreno sul quale la casa ma­dre di Topolino, di Star Wars e dei su­pereroi della Marvel ha deciso di ingag­giare il grande duello con il leader del segmento Netflix, forte dei suoi 208 milioni di abbonati nel mondo. Per Di­sney+ il dato si attesta a 103,6 milioni con un complesso di sottoscrittori alle offerte direct-to-consumer a 159 milioni aggiungendo i 13,8 milioni di ESPN+ e i41,6 milioni di Hulu. Vero è che le reti TV tradizionali al momento sostengono con un risultato operativo positivo i servizi (in perdita) in strea­ming. Ma per Chapek Disney dovrà es­sere «in prima fila» lì dove si sta spo­stando l’interesse del pubblico.

Intanto in Italia i sindacati del com­mercio di Cgil, Cisl e Uil hanno procla­mato 8 ore di sciopero contro la chiusura dei negozi della Disney in Italia. I sindacati chiedono l’attivazione im­mediata di un tavolo istituzionale con i ministeri dello Sviluppo Economico e del Lavoro e il contestuale avvio del confronto con la direzione societaria di Disney Store «per conoscere i detta­gli della procedura di liquidazione del marchio avviata il 19 maggio scorso ed annunciata ai sindacati a cose fatte».

Fonte: Il Sole 24 Ore

seo sito web adv
Scritto da