Digitale terrestre Abruzzo: risolti i problemi del segnale tv in Val Vibrata

Corecom Abruzzo: «Risolti gli oscuramenti tv in Val Vibrata a seguito del passaggio al  digitale terrestre della vicina regione Marche».

Il recente switch-off della regione delle Marche, in particolare della provincia di Ascoli Piceno terminato da più di un mese, fino a pochi giorni fa era causa di gravi disagi televisivi nei confronti dei residenti della Provincia di Teramo, precisamente della Val Vibrata. Le trasmissioni tv risultavano infatti parzialmente disturbate, o in qualche caso addirittura oscurate, dai segnali digitali che si diffondevano dalle Marche sino in Abruzzo, che andavano a provocare interferenze da sovrapposizione nelle frequenze analogiche ancora presenti nei comuni abruzzesi.

Ora secondo il Corecom Abruzzo tutti i problemi di segnale sono stati risolti in Val Vibrata. «I tecnici del Dipartimento Comunicazioni dell’Ispettorato Abruzzo-Molise – spiega il Presidente del Corecom Abruzzo, Filippo Lucci – sono riusciti ad individuarne le difficoltà e, di concerto con i colleghi della Rai, hanno contribuito al ripristino, in breve tempo, del ripetitore dei segnali televisivi nella nuova tecnica digitale che potesse servire la suddetta zona critica». A oggi, in Val Vibrata e in altre aree limitrofe, agisce un ripetitore situato nel marchigiano sul Monte Ascensione, che può diffondere i contenuti del mux A della Rai che comprende Rai 1, 2 e 3, Rai News e Rai Regione Marche. Inoltre, il Corecom Abruzzo, è riuscito a far accogliere a Rai Way le richieste che da oltre un decennio i cittadini della Val Vibrata rivendicavano, ossia la ricezione del Tg3 Rai regione Abruzzo per gli utenti residenti al confine con la regione Marche in quanto da sempre queste cittadine ricevevano solo il segnale del TG3 Marche.

«Siamo riusciti, nel giro di qualche settimana, a risolvere un problema – prosegue Lucci – che coinvolgeva migliaia di cittadini grazie alla stretta collaborazione con il Dirigente dell’Ispettorato Territoriale Abruzzo e Molise del MISE, Patrizia Catenacci, l’amministratore delegato di Rai Way, Stefano Ciccotti, e i loro collaboratori. Tengo a sottolineare – osserva il presidente del Corecom – la soluzione sul tema del servizio pubblico regionale, impegno che avevo preso personalmente con il sindaco di Sant’Omero Alberto Pompizi, rappresentante dell’Unione dei comuni della Val Vibrata, e che ora è una realtà. Il motivo tecnico, per il così detto buio nella Val Vibrata, è ravvisabile nello switch-off avvenuto nelle Marche qualche tempo prima che, per necessità tecnologiche, ha determinato un primo spegnimento degli impianti analogici e un progressiva riaccensione con quelli digitali, ben più complessi da tarare in funzione delle zone da servire. Naturalmente, le antenne servono zone di utenza contigue fra regioni diverse ed è per questo che spegnere il segnale analogico nelle Marche ha comportato qualche disagio e comprensibili interventi di aggiustamento anche in Abruzzo, per quegli utenti frontalieri della Val Vibrata che, abitualmente, ricevevano anche i segnali televisivi dalle Marche».

Gli uffici del Corecom sono a disposizione per informazioni ai cittadini, inoltre il ministero ha attivato un numero verde 800.022.000 per seguire gli aggiornamenti e, in ogni caso, qualche problema tecnico localizzato in aree circoscritte durerà ancora per poco, infatti, è stato pubblicato il calendario ufficiale per il passaggio al digitale terrestre in Abruzzo previsto per il periodo intercorrente il 7 e 23 maggio 2012.

Fonte: abruzzo24ore.tv

Scritto da