CES 2012, nessuna rivoluzione ma molte novità

Il Consumer Electronic Show (CES) apre ufficialmente i battenti oggi a Las Vegas e proseguirà fino a venerdì. Ma grazie a un’anteprima per la stampa, le indicazioni per il futuro sono già chiare: molte migliorie ma nessuna novità. Alla fiera di quest’anno manca il prodotto che ha le capacità di rivoluzionare il mercato, come il videoregistratore nel 1970, il compact disc nel 1981, la tv HD nel 1998 e, ultimo, il tablet allo show del 2011.

Lo scrive il sito del Guardian, aggiungendo che a farla da padroni quest’anno saranno gli ultrabook, il lancio di nuovi smartphone targati Nokia e le tivù sempre più smart. Al CES le aziende continuano a limare le dimensioni dei nuovi netbook e tablet, a migliorare la definizioni dei propri schermi, a migliorare le connessioni dei propri smartphone. I portatili sono ormai talmente fini e leggeri da essere chiamati ultrabook, le televisioni hanno colori più vividi, velocità superiori e dimensioni più ridotte, i telefonini riescono a sopportare fino a quattro microprocessori. Ma non c’è un vero e proprio leader (almeno, non per adesso).

Anzi, a Las Vegas quest’anno mancano quelli che sono i tre dei leader assoluti del settore. Oltre ad Apple e Google, assente da diversi anni, alla fiera del 2012 mancherà Microsoft. Il discorso inaugurale di Steve Ballmer, amministratore delegato del colosso di Redmond, marcherà il divorzio dal CES. L’azienda fondata da Bill Gates segue l’esempio delle sue rivali che, per maggiormente valorizzare i propri prodotti, alla fiera di Las Vegas hanno preferito eventi di presentazione esclusivi. Di conseguenza, il mercato si aspetta qualche annuncio minore da parte di Microsoft, in particolare per quanto riguarda il prossimo lancio – previsto nel secondo semestre dell’anno – della nuova versione del Windows 8, disegnato per gli smartphone della joint venture con Nokia.

Quest’anno, come già detto, il prodotto di punta del CES saranno gli ultrabook, notebook ultrasottili e super leggeri, una mossa per risollevare il mercato dopo un anno in flessione di vendite. Sony e Lenovo hanno realizzato i loro ultrabook, disegnati per fare concorrenza ai MacBook della Apple. Saranno una cinquantina i nuovi ultrabook presentati allo show, prezzo medio di mille dollari, un prezzo che può interessare al 22% dei consumer secondo stime di Forrester Research. Sul fronte Nokia, c’è attesa per al presentazione da parte del Ceo Stephen Elop dell’ultimo nato dalla joint venture con Microsoft: si tratta del Lumia 900, con il quale la casa finlandese conta di recuperare un po’ di terreno in Nord America, dove il vecchio Symbian è ormai sparito dai radar.

Smart tv e 3D avranno un posto di rilievo al CES, dopo che già l’anno scorso avevano monopolizzato l’attenzione. Samsung presenta i nuovi schermi Super OLED da 55″ e le nuove tv aggiornabili nell’hardware grazie agli Evolution Kit. Anche Sony ha qualcosa da dire sul futuro dei display: niente OLED ma una tecnologia chiamata Crystal LED, dove ogni subpixel è un LED cristallizzato su un unico foglio. Sharp festeggia al CES i suoi 100 anni di vita con la presentazione dei nuovi modelli della Serie 9 da 80 pollici. Panasonic lancia Myspace Tv nei tv Viera, un’applicazione convergente che integra l’esperienza sociale della rete Internet con la televisione, che proporrà all’inizio solo i contenuti musicali, per poi espandersi a video, film, eventi sportivi e news.

Intanto, il capo economista della Consumer Electronics Association, associazione responsabile per l’organizzazione della fiera, Shawn DuBravac ha inaugurato l’anteprima per la stampa presentando le stime e le previsioni del settore per il nuovo anno. Nel 2012, le spese per i prodotti elettronici dovrebbe crescere del cinque percento rispetto al 2011 e sorpassare i 1.004 miliardi di dollari. Le vendite di smartphone dovrebbero crescere del 22%, mentre nel 2012 le vendite totali di tablet dovrebbero raddoppiare e superare le 100 milioni di unità. Anche se la ripresa economica stenta negli Stati Uniti e in Europa, gli analisti si aspettano una crescita nella domanda da parte delle economie emergenti. DuBravac ha sottolineato come allo show di quest’anno verranno presentati 20.000 nuovi prodotti da parte di 2.700 espositori provenienti da tutto il mondo.

Scritto da