Switch-off Liguria. Provincia di Savona: “il 50% del territorio senza segnale tv”

Nel Savonese partirà lunedì 10 ottobre il passaggio al digitale terrestre televisivo, il cosiddetto Switch-off. La data è stata resa nota dal Ministero dello Sviluppo Economico Comunicazioni, nel corso dell’incontro svoltosi a Roma del 21 giugno scorso, che ha inserito la Liguria tra le regioni dell’Area 8 per le quali il passaggio si concluderà il 4 novembre 2011.

Considerate le criticità strutturali legate al passaggio da analogico a digitale, la Regione Liguria, in collaborazione con la Provincia di Savona, ha organizzato ieri un incontro presso Palazzo Nervi, per illustrare le varie fasi della transizione, coordinare l’attività informativa e proporre soluzioni e strumenti di informazione per supportare i cittadini, gli enti e tutti i soggetti coinvolti.

“Non nascondo la mia preoccupazione per quella, che a causa dell’orografia complessa del nostro territorio, appare oggi una rivoluzione con più ombre che luci – ha dichiarato il presidente della Provincia Angelo Vaccarezza -. Il 4 novembre è la data in cui si spegnerà il segnale analogico nella nostra regione e si accenderà quello digitale. Ciò che mi preoccupa di più è che se il 4 novembre fosse oggi, il 50% del territorio della provincia di Savona non sarebbe coperto dal segnale. Ulteriore problema è rappresentato dai costi che i privati dovranno sopportare per difendere la pluralità delle voci dell’emittenza televisiva locale, quella che parla alle persone e al loro territorio. Credo quindi che ci siano ancora molti elementi da chiarire e approfondire, e lo dico perché la mia esperienza televisiva di undici anni all’interno di un’emittente privata mi ha fatto capire come sia indispensabile la pluralità delle voci per un’informazione libera”.

Scritto da