Digitale terrestre Pordenone: “segnale Rai assente, allora non pago il canone”

tvnosignal

Nel piccolo comune di 1600 anime di Cavasso Nuovo  in provincia di Pordenone dal 16 dicembre sono spariti i segnali tv della Rai.

I canali pubblici sono irricevibili da quando sono stati effettuati degli interventi tecnici sul ripetitore di viale Palmanova a Udine per depotenziare il segnale del Mux 1 della Rai. Da quel momento, solo chi ha provveduto ad adeguare l’impianto d’antenna con puntamento in direzione di Piancavallo-Castaldia (Aviano), può riceve i canali pubblici.

I disagi da metà dicembre si sono registrati in tutto il Pordenonese, in particolare nella zona montana e pedemontana. Le proteste degli abbonati contro la Rai per il depotenziamento del ripetitore udinese fioccano infatti in tutta la Destra Tagliamento e sono in tanti a minacciare azioni di disobbedienza civile.

Il signor Bruno Corva, combattivo anziano di Cavasso Nuovo, intervistato dal Messaggero Veneto, ha inviato una lettera di fuoco alla sede Rai di Roma. «Questa mia lettera vale come disdetta dal canone. E non è escluso che vi denunci per interruzione di pubblico servizio». «Non posso salire sul tetto per sistemare l’antenna, e oltretutto non voglio spendere altri soldi per voi – ha spiegato nella propria missiva Corva, facendo notare che esistono zone del territorio in cui la morfologia copre completamente la visuale sul Piancavallo –. Mi avete impedito di assistere alla funzione natalizia del Papa e alla relativa benedizione da piazza San Pietro. Per questo non voglio più questo servizio e non lo pagherò più. Faccio gli auguri a tutti, ma non a chi mi ha tolto la possibilità di guardare la tv».

La direzione di Rai Way Friuli Venezia Giulia consiglia di verificare «l’eventuale presenza di filtri sull’impianto d’antenna e l’orientamento della stessa» e fornisce l’indirizzo email tvdigitalefriuli@rai.it per assistenza tecnica. Ma saranno come al solito gli abbonati a sborsare i quattrini necessari  per i lavori di adeguamento.

Fonte: messaggeroveneto.gelocal.it

Scritto da