Diritti Tv Calcio, Sky e Mediaset trattano sulla Champions League in chiaro

champions league Sky Rai Mediaset

Fra Sky e Me­diaset ci sarebbero stati contatti nei giorni scorsi sulla concessione dei diritti tv in chiaro della Champions League di calcio.

I diritti tv della Champions League per il trien­nio 2018-21 sono di Sky e Rai ha la concessione per la trasmissione delle partite in chiaro per questa sta­gione. Anche per le prossime due Rai ha deciso di esercitare l’opzione di ac­quisto, ma come anticipato dal Sole 24 Ore, Sky ha messo in discussione l’accordo puntando il ra­gionamento sul fatto che – visto che l’accordo fra le due società era stato raggiunto prima che si attribuissero i diritti della Serie A, cosa avvenuta a giugno – il diritto d’opzione era con­dizionato al fatto che per i campionati 2018-21 la media company di Comcast avesse diritti pari al triennio prece­dente. Cosa che secondo Sky non si è verificata (viste le 3 partite a settimana finite a DAZN). Nella partita, come pre­vedibile, si sono innestati i contatti fra Sky e Mediaset che potrebbe ap­profittare degli attriti tra Sky eRai.

Intanto sono nate tensioni tra le due società sull’interpretazione del parere dell’Agcom per quanto riguarda la cessione, da parte di Mediaset a Sky, di R2: la società che contiene la piattaforma tecnologica del digitale terrestre di Mediaset Premium. Secondo Sky il parare dell’Authority potrebbe rap­presentare un “condizionamento“. Secondo invece Mediaset il pro­blema formalmente non sussiste perché quella di Agcom è una posi­zione che può essere considerata una prassi. Ufficialmente le due società non commentano.

L’operazione della cessione di R2 potrà concludersi solo dopo l’ok definitivo dell’Antitrust che sta per emettere il proprio parere. E dovrà essere un avvallo incondizionato per essere accettato da Sky. Altrimenti nessun obbligo e la piattaforma – già passata con closing da Mediaset a Sky all’in­terno di un accordo, siglato il 30 mar­zo 2018, che fra le varie cose ha porta­to Sky ad avviare, ospitata sulla piattaforma Premium, la sua offerta sul digitale terrestre – rischia di tornare a Mediaset.

Se l’accordo non sarà approvato dall’Antitrust si rischia una chiusura con relati­ve conseguenze anche per gli oltre 100 lavoratori occupati in Premium. Senza conta­re, poi, il fatto che la cessione, a quanto si è potuto leggere nella relazione di accompagnamento agli ultimi conti trimestrali di Mediaset, è avvenuta a un controvalore di 22,9 milioni di eu­ro, cui si devono sommare i 60-70 mi­lioni di impatto positivo annuo sti­mati sull’ebit del Biscione.

Fonte: Il Sole 24 ore

seo sito web adv
Scritto da