Diritti TV Serie A, Mediaset: “faremo un’offerta razionale”

serie a fondi di investimento

Marco Giordani (MFE-Mediaset) ha dichiarato che il gruppo parteciperà all’asta per i diritti TV della Serie A con un’offerta “razionale”.

In merito alla prossima asta per i diritti televisivi della Serie A per la stagione 2024-25 in poi,Marco Giordani, direttore finanziario di Mfe-Mediaset, ha dichiarato: «faremo un’offerta, ma come sempre con un approccio razionale», in occasione della conference call con gli analisti finanziari sui risultati del primo trimestre dell’anno. «Sappiamo bene come i diritti del calcio siano piuttosto ‘carichi’ e quindi se mai faremo offerte lo faremo in un modo razionale», ha aggiunto, ripreso da Ansa.

«Non abbiamo bisogno del calcio a qualsiasi condizione: possiamo sostenere il nostro business anche senza il calcio e manteniamo questo approccio ‘opportunistico’ sia in Italia sia in Spagna», ha concluso.

Sul fronte ProsiebenSat, di cui Mfe è primo azionista, il manager non ha voluto commentare le voci su possibili trattative tra il broadcaster e Sky su una eventuale fusione in Germania. «Come sempre non commentiamo i rumors», ha tagliato corto. «Non siamo rappresentati nel Supervisory board di Prosieben e non siamo informati su eventuali trattative», ha ribadito, facendo emergere comunque qualche dubbio sulla validità di un impegno nella pay-tv da parte di un gruppo televisivo tradizionale.

Sul fronte dei conti, nel primo trimestre 2023 Mfe-Mediaset ha registrato ricavi netti consolidati per 646,6 milioni, con un risultato operativo (Ebit) positivo per 19,3 milioni e un utile netto di 10,1 milioni rispetto ai 2,7 milioni dello stesso periodo 2022. L’indebitamento finanziario netto consolidato al 31 marzo è pari a 731,7 milioni, in miglioramento rispetto allo scorso esercizio. Per l’intero 2023 la holding ha confermato «l’aspettativa di conseguire su base annua risultato operativo, risultato netto e generazione di cassa consolidati positivi».

In Italia i ricavi pubblicitari lordi hanno raggiunto i 462,7 milioni (+0,4%) rispetto ai 460,9 milioni dello stesso periodo del 2022. In Spagna, al contrario, scendono a 166,8 milioni rispetto ai 175,1 milioni del primo trimestre 2022 «con un andamento che, dopo i primi due mesi negativi condizionati da un contesto di mercato difficile, sta registrando un progressivo recupero a partire dal mese di marzo», afferma il Biscione nel comunicato sui conti trimestrali del gruppo. In Italia nella prima parte del secondo trimestre la raccolta pubblicitaria di Mfe-Mediaset «ha mantenuto il positivo andamento già registrato nei primi tre mesi», mentre in Spagna «dopo il difficile avvio dei primi due mesi dell’anno, aprile ha consolidato il trend di ripresa già registrato nel mese di marzo».

Fonte: primaonline.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.