Per Mediaset Premium non solo Vivendi. Alla porta cinesi e americani

mediaset premium vivendiNon c’è solo Vivendi su Mediaset Premium. Secondo MF sarebbero interessati all’acquisto della pay-tv gruppi statunitensi come Liberty Media e Discovery e cinesi come Phoenix e LeTv.

Secondo fonti industriali vicine al dossier Vivendi, reperite da MF-Milano Finanza, il gruppo tv francese guidato da Vincent Bolloré, non sarebbe oggi l’unico soggetto interessato a Mediaset Premium. Fino allo scorso novembre l’acquisizione della piattaforma pay del broadcast di Cologno Monzese era al vaglio anche di Sky Italia, a valori però nettamente inferiori alla stima iniziale elaborata da Vivendi (756 milioni di euro). Ma per il momento non si registrano ulteriori contatti tra Mediaset e Sky sul fronte Premium, ma il dossier potrebbe tornare d’attualità, soprattutto se lo scontro tra Cologno e Vivendi non dovesse risolversi in tempi ragionevoli.

Intanto al mercato televisivo italiano guardano da anni colossi televisivi statunitensi come Liberty Media e soprattutto Discovery. Quest’ultimo oramai è diventato il quarto polo tv in Italia (share medio giornaliero del 6,79% contro il 7,82% di Sky) e sta puntando forte sui contenuti sportivi per rafforzare l’offerta su scala europea della piattaforma Eurosport, tramite anche l’acquisizione di contenuti locali nei Paesi in cui opera, come appunto l’Italia.

Inoltre, secondo indiscrezioni che circolano nel mondo televisivo, almeno due broadcaster cinesi avrebbero iniziato a studiare, con la massima cautela, il dossier Mediaset Premium. Si tratterebbe di Phoenix (televisione satellitare di Hong Kong) e LeTv, piattaforma in streaming (lanciato dal gruppo Leshi Interne Information&Technology) che sta spopolando in Cina. Tra l’altro LeTv sta facendo incetta di diritti sportivi: dopo essersi assicurata le immagini dei prossimi Mondiali di calcio del 2018 e quelli della Premier League inglese, il gruppo sta trattando anche i diritti della Nba.

I rapporti tra Mediaset e la Cina inoltre sono già ben oliati dal fatto che Fininvest (la controllante di Mediaset pronta a depositare l’atto di citazione nei confronti di Vivendi) proprio nel Paese asiatico ha trovato (grazie all’intermediazione dell’advisor Lazard) i compratori per il Milan. Nel frattempo, la holding, come già ventilato ha depositato ieri l’atto di citazione nei confronti di Vivendi: chiede almeno 570 milioni di euro di danni.

Fonte: MF – Milano Finanza

Scritto da