Mediaset Premium, nel 2015 perdite per 83,9 mln

mediaset_premium

Mediaset Premium, a un passo dalla vendita a Vivendi, conta perdite per 83,99 milioni e 2,01 milioni di abbonati nel 2015.

Con 2,01 milioni di clienti a fine 2015, Mediaset Premium ha registrato un giro d’affari complessivo di 640,95 milioni, 558 milioni dei quali rappresentati dai ricavi generati dagli abbonamenti e dalle tessere prepagate e 82 milioni dalla raccolta pubblicitaria. A fronte di costi complessivi di 755,8 milioni, il risutato operativo è stato negativo per 114,84 milioni e la perdita è stata di 83,88 milioni. Un dato quest’ultimo che si confronta con un utile su base semestrale di 2-3 milioni e si spiega con il fatto che a luglio sono stati contabilizzati gli ingenti investimenti per i diritti tv della Champions League e per le partite delle migliori 8 squadre di Serie A, che su base triennale sono costati quasi 1,7 miliardi. Per l’esercizio in corso il fatturato atteso è di 700 milioni a frontedi una perdita mentre il break even è previsto, come da piano industriale, nel 2017. Solo nel 2018 è ipotizzato il raggiungimento di un utile netto.

Con questi deludenti numeri la pay-tv del Biscione si presenta all’accordo annunciato e atteso per venerdì con Vivendi. L’operazione, come già noto sul mercato, dovrebbe prevedere la creazione di una società comune per lo sviluppo dei contenuti (film e serie tv) su scala europea, che vede Mediaset già operativa avendo ottenuto lo scorso dicembre un finanziamento dall’Unione Europea quale membro di un consorzio che sta sviluppando una piattaforma modulare per la realizzazione di applicazioni multi-screen in grado di interagire con programmi televisivi, video on-demand e contenuti cosiddetti Over The Top. Successivamente si dovrebbe procedere a un progetto online capace di competere con Netflix, e alla vendita di Premium al gruppo francese. Il deal avverrà carta contro carta, con uno scambio di quote tra le quotate Mediaset e Vivendi nell’intorno del 3-3,5%.

Fonte: Milano Finanza

Scritto da