Deejay Tv cambia e diventa Nove

Nove

Dopo il rebranding di Mtv in Tv8, Deejay Tv, canale acquistato lo scorso anno da Discovery, cambia nome e diventerà Nove.

Largo ai nuovi canali della tv generalista. Entrano in scena nella televisione italiana, fino a ieri dominata dal duopolio Rai-Mediaset, Sky e Discovery. Giovedì 18 febbraio è sparito il marchio di Mtv dal canale 8, che si è trasformato in Tv8. Nei prossimi giorni, secondo il quotidiano ItaliaOggi,  sarà la volta di Deejay Tv che cambierà nome forse in Canale Nove.

Il gruppo Discovery ha rilevato l’LCN 9 nel gennaio del 2015, e quindi ha impiegato oltre un anno per ridimensionare quel logo che ha un suo pregiato valore in radio, ma che in tv, come canale autonomo, non ha mai funzionato nei suoi sette anni di vita. Come si diceva, lo studio del rebranding del canale 9 sta per diventare operativo: il nuovo logo sarà Nove, col marchio di Deejay all’interno della «o», quindi molto più in piccolo di prima. Già da qualche settimana il canale spingeva comunque sul Nove negli stacchi e nei lanci dei programmi. Il cambio è una evoluzione naturale: la linea editoriale del canale è mutata radicalmente sotto la gestione di Discovery, sono stati introdotti nuovi generi televisivi, con una nuova immagine, e ora cambia pure il logo. Rimane, però, il legame con Deejay, un cordone ombelicale che Discovery, a differenza di quanto fatto da Sky con Mtv, non intende ancora recidere definitivamente.

Confermata, per esempio, la trasmissione quotidiana Deejay chiama Italia, che ha ascolti piuttosto buoni in quella fascia oraria mattutina 10-12, e pure altre sinergie con l’emittente radiofonica del gruppo Espresso, come ad esempio la differita del live della Festa di Radio Deejay, che si terrà il 25 febbraio al Palalottomatica di Roma e che verrà mostrata su Nove il prossimo 29 febbraio. Accantonato, invece, il progetto annunciato la scorsa estate di un Award della musica italiana a cura di Deejay e da trasmettere su Nove.

La musica, infatti, non può essere il filrouge di un canale generalista. I dati Auditel son lì a dimostrarlo. E la stessa Mtv8 (si chiamava ancora così) lo scorso 25 ottobre ha raccolto appena l’1,59% di share per un prodotto, gli European Music awards in diretta dal Forum di Assago, a Milano, su cui aveva puntato tantissimo, sia in termini produttivi, sia per l’enorme sforzo di comunicazione su tutti i mezzi. Eppure, un evento esclusivo a livello continentale ha richiamato sul canale 8, in posizione privilegiatissima, una audience piccola piccola, che molto spesso Cielo, all’LCN 26, raggiunge con contenuti molto più banali e meno costosi.

Sky, quindi, dal 18 febbraio, ha cancellato ogni riferimento a Mtv e proseguirà nella sua politica di «emancipazione» a botte di contenuti comunque pregiati e piuttosto costosi (dai film allo sport, passando per l’intrattenimento) che però hanno consentito al canale di raddoppiare gli ascolti nel giro di pochi mesi, arrivando a una media dell’1,12% di share in prima serata. Lo stesso farà il canale Nove di Discovery, che, comunque, non se la sente di abbandonare ancora del tutto il brand Deejay. Necessario, però, creare una discontinuità forte col precedente canale, poiché in oltre un anno di gestione l’LCN 9 non è ancora stato valorizzato al massimo, tenuto conto che nel gennaio 2016 la media della prima serata, pur con una posizione lcn così privilegiata, è ferma a un modesto 0,7% di share.

Fonte: ItaliaOggi

Scritto da