Vodafone pronta a lanciare la sua pay-tv

vodafonetv2

Vodafone sarebbe vicina a lanciare la sua offerta di pay-tv in Italia entro marzo.

Un nuovo operatore sarebbe pronto a scendere nel campo della pay-tv italiana: Vodafone. Secondo quanto anticipato ieri da Il Sole 24 ore, la tlc lancerà la sua offerta di pay entro la prima metà del 2016; il nostro Paese dovrebbe seguire la Gran Bretagna, il cui lancio è previsto per marzo. L’operatore punta a usare l’offerta televisiva per attirare clienti sulla banda ultralarga.

La piattaforma sarebbe stata messa a punto dall’americana Kaltura e fuzionerà attraverso un set-top-box con un ingresso per il digitale terrestre e uno per la fibra da cui accedere a offerte on demand free e pay, con contenuti anche in 4K. Inoltre, sarebbero previste funzioni avanzate come pause&start, catch up dei contenuti live e l’uso dello smartphone come remote controle. La navigazione dovrebbe richiamare quella di interfacce come Netflix o Sky Q:  una sorta di My Tv con registrazioni, suggerimenti e tracce della propria attività televisiva. Oltre alla possibilità di accedere ai canali del digitale terrestre, saranno disponibili anche app di servizi ospiti, come Netflix.

Vodafone per la sua Tv sarebbe comunque in trattativa con altri player dell’on demand e con i broadcaster tradizionali. Particolarità importante da segnalare e che segna una differenza con il competitor Timvision di Telecom: allo stato attuale Vodafone non prevedrebbe un utilizzo gratuito dei dati per il consumo di video in mobilità tramite smartphone o tablet.

Il secondo operatore tlc in Italia punterebbe sul lancio della tv per aumentare la propria base clienti nel fisso (1,9 milioni in Italia di clienti in banda larga fissa, su un totale di 2,3 milioni di rete fissa al 30 settembre). E per allargare la scarsa clientela abbonata alla fibra. Con Vodafone Tv poi la multinazionale della telefonia punterà sicuramente sulla convergenza fisso-mobile, contando sui 24,7 milioni di utenti della sua rete mobile.

In questo quadro le telco sanno di potersi giocare carte importanti per far crescere il proprio business. Del resto basta guardare a quel che è successo per esempio in Uk. Un’analisi di e-Media Institute ha evidenziato come dal 2010 gli abbonati alle offerte storiche (SkyVirgin Media) siano rimasti stabili a quota 14 milioni. È cresciuto enormemente invece il numero degli utenti di servizi Vod (Amazon Prime, Now Tv, Netflix) arrivati da 0 a 6 milioni dal 2012. Nel contempo anche le sottoscrizioni alle offerte finanziate dalle telco (TalkTalk Bt) sono passate da zero a 2 milioni.

Fonte: Il Sole 24 Ore

Scritto da