Mediaset: Sky paghi i diritti tv in chiaro sul satellite

sky vs mediaset

Mediaset torna all’attacco e, forte di una recente delibera Agcom, pretende da Sky il pagamento dei diritti di ritrasmissione dei propri contenuti free sulla piattaforma satellitare a pagamento.

Gina Nieri, consigliere di amministrazione di Mediaset, ha dichiarato oggi in occasione del workshop “Rompere gli indugi: La protezione dei contenuti Tv in un mondo che cambia“, che il Biscione è pronto ad aprire un tavolo commerciale con la pay-tv di Rupert Murdoch & figli. «Formalizzeremo la richiesta di un accordo commerciale con Sky. – ha infatti detto Nieri – Chiediamo  un accordo sulle retransmission fee e siamo consolidati nella nostra richiesta dalla delibera Agcom 128/15 pubblicata lo scorso 11 marzo, che decide nella controversia tra Rai e Sky.

Le tariffe di ritransmissione permettono ai produttori di contenuti gratuiti di essere remunerati se tali contenuti sono inseriti in piattaforme a pagamento. «Nel caso rifiutassero vedremo il da farsi», ha dichiarato il top manager Mediaset. In merito al valore di un eventuale accordo, Federico di Chio, direttore marketing strategico Mediaset, ha chiarito che non c’è ancora una cifra precisa e che si farà riferimento al mercato europeo dove ad esempio in Germania nel 2014 il sistema delle Tv Free complessivamente considerato ha ricevuto circa 93 milioni euro.

La diatriba degli oscurmanenti dei canali Rai sul satellite a pagamento è ancora lontana da una pacifica conclusione. Nonostante la delibera dell’Authority, che ha imposto lo stop degli oscuramenti in cambio di un compenso equo e ragionevole (entro 30 giorni), e poi l’arrivo di ulteriore sollecito dall’Agcom per un accordo tra i due incumbent della tv italiana, Sky si è più volte rifiutata di pagare i diritti di ritrasmissione sostenendo che questi non vengono remunerati per Mediaset, La7 e Rai sulla piattaforma sat free Tivùsat. Lo scontro, che si trascina dal lontano 2009, prosegue a colpi di ricorsi nei tribunali amministrativi.

Fonte: MF-DJ

Aggiornamento 29/07/2015:

Mediaset vs Sky, Agcom: vincolo su diritti di ritrasmissione valido solo per la Rai

L’Agcom interviene sulla vicenda delle “retransmission fee” rivendicate da Mediaset nei confronti di Sky per la trasmissione dei canali generalisti sulla piattaforma satellitare.

L’Autority per le comunicazioni, in un comunicato, fa chiarezza sulla delibera n.128/15/Cons, invocata dal Biscione, per rivendicare il riconoscimento economico: il provvedimento è valido solo per il servizio pubblico, i rapporti tra le emittenti private sono rimandate alla contrattazione nel libero mercato.

Con la delibera n. 128/15/Cons l’Agcom ha cercato di chiarire una volta per tutte la diatriba che dal 2009 vede sfidarsi in tribunale Rai e Sky sulla questione degli oscuramenti attuati dalla tv pubblica sul satellite a pagamento.

La delibera ha dato la facoltà alla Rai di richiedere un equo e ragionevole compenso per la cessione dei propri programmi ritrasmessi, e ha imposto lo stop degli oscuramenti del servizio pubblico imponendo alla tv pubblica di rinunciare a frapporre diritti di soggetti terzi a sostegno dell’oscuramento di taluni eventi.

Scritto da