Audiweb: 29,2 mln di utenti unici in Italia ad aprile 2015

audiweb-1

Audiweb pubblica i dati della Total Digital Audience del mese di aprile 2015 che è rappresentata da 29,2 milioni di utenti unici, 21,7 milioni nel giorno medio.

Nel giorno medio sono stati 17,2 milioni gli utenti online da dispositivi mobili (smartphone e tablet), collegati per 1 ora e 37 minuti per persona. L’81% del tempo totale speso online dai 18-24enni è stato generato dalla fruizione di internet da mobile.

Nel mese di aprile risultano 29,2 milioni gli utenti unici (dai 2 anni in su) che si sono collegati a internet almeno una volta, per un tempo totale mensile di 43 ore e 31 minuti per persona. Nel giorno medio l’audience totale ha raggiunto i 21,7 milioni di utenti collegati in media per quasi 2 ore.

La mobile audience è rappresentata da 20,4 milioni di utenti mensili (18-74 anni, da smartphone e tablet) e 17,2 milioni nel giorno medio, valori non molto differenti che confermano l’uso ormai abituale dei dispositivi mobili per connettersi alla rete. L’audience online da pc è rappresentata da 27 milioni di utenti mensili (dai due anni in su) e 12,5 nel giorno medio.

audiweb-2

In base ai dati socio-demografici, nel giorno medio risultano online 11,4 milioni di uomini (il 41,3% degli uomini dai 2 anni in su) e 10,4 milioni di donne (il 37,4% delle donne dai 2 anni in su).

Il tempo speso online nel giorno medio da device mobili (1 ora e 37 minuti in media per persona) supera il tempo dedicato alla navigazione da pc (poco più di un’ora per persona). In particolare, le donne e i giovani tra i 18 e i 24 anni hanno trascorso più tempo online da mobile (rispettivamente per 1 ora e 44 minuti e 2 ore e 10 minuti in media).

Risulta online il 67,3% dei giovani tra i 18 e i 24 anni, 2,8 milioni di utenti unici nel giorno medio. Più in dettaglio, il 63% dei 18-24enni sceglie di accedere a internet da device mobili e solo il 27% accede anche da pc, dedicando alla navigazione da mobile l’81% del tempo totale speso online.

audiweb-3

Fonte: audiweb.it

Scritto da