Diritti tv Calcio: ispezione Finanza in Lega A, Mediaset e Sky

mediaset_premium_skyLe Fiamme Gialle ipotizzano un segreto accordo tra la Lega Serie A e le pay-tv sulla vendita dei diritti tv.

Da questa mattina i finanzieri del nucleo speciale Tutela Mercati, d’intesa con l’Autorità Garante della Concorrenza, stanno eseguendo delle ispezioni in sei sedi di Lega Calcio Serie A, di Infront Itali srl, Mediaset e Sky a Roma e Milano, nell’ambito di una indagine avviata dall’Agcm sui diritti tv della Serie A di calcio italiana per le stagioni calcistiche 2015-2018. L’Antitrust si sta muovendo sull’ipotesi che ci sia stata un’intesa tra gli operatori di pay-tv per limitare la concorrenza. È quanto hanno indicato fonti investigative.

I controlli, nel dettaglio, avvengono nelle sedi della Lega nazionale professionisti, di Infront Itali srl, di Sky Italia srl, di Reti Televisive Italiane Spa; di Mediaset Spa; e di Mediaset Premium Spa. 

L’ipotesi investigativa all’esame di Antitrust e Guardia di Finanza è che l’esito finale della vendita dei diritti televisivi per le stagioni calcistiche 2015-2018 per 943 milioni l’anno (circa 150 in meno di quanto avrebbero intascato assegnando le licenze al miglior offerente spuntato dalle buste), finalizzata dalla Lega calcio il 26 giugno 2014, sia stato alterato da un accordo restrittivo della concorrenza. Tale accordo – sempre secondo l’ipotesi investigativa – sarebbe avvenuto fra i principali operatori attivi a livello nazionale sul mercato delle pay-tv, vale a dire Sky e Mediaset. La stessa Lega Calcio, in violazione di disposizioni europee – ipotizzano gli investigatori – avrebbe favorito gli accordi.

Nell’asta, Mediaset si era aggiudicata i diritti per trasmettere le 248 partite in diretta delle otto principali squadre italiane, oltre alla Diretta Premium dai campi e agli highlights di tutti gli incontri. A Sky invece erano andate tutte le partite dei campionati di Serie A 2015-18 via satellite per 572 milioni, mentre a Mediaset il pacchetto con le partite delle migliori squadre per 373 milioni. Mediaset, inoltre, si era aggiudicata oltre alle partite delle migliori squadre sul digitale terrestre anche le 132 partite delle cosiddette squadre minori in modalità multipiattaforma per circa 300 milioni.

L’intesa raggiunta contestualmente con Sky prevedeva che questo pacchetto di partite, in caso di via libera dell’Agcom, sarebbe stato ceduto dal gruppo di Cologno Monzese a Sky Italia. Successivamente all’intesa per lo scambio di pacchetti, arrivato dall’Agcom il 18 luglio 2014, Sky Italia ha completato il proprio portafoglio di partite per offrire tutti i match dei tre campionati italiani.

Lo scorso anno, dopo l’assegnazione, l’emittente americana Eurosport aveva minacciato azioni legali lamentando la violazione delle regole della Lega Calcio.

Fonti: lastampa.it | ilfattoquotidiano.it | ilsole24ore.com

Scritto da