Accordo Rai – Google: 200 titoli di cinema su Play

rai-cinema

Rai e Google hanno firmato un accordo che farà approdare su Play circa 200 titoli del catalogo di Rai Cinema. Dopo la rottura per i video della tv pubblica con YouTube, la Rai ritrova l’intesa col colosso di Mountain View.

I film saranno disponibili per il noleggio e l’acquisto nella sezione Film dello store online di BigG. L’accordo fra Google Play e Rai Com, la consociata Rai che si occupa della valorizzazione dei contenuti audiovisivi tramite internet, consentirà al pubblico di accedere a titoli come Rush, Il capitale umano, The Wolf of Wall Street, Educazione siberiana, La mafia uccide solo d’estate, Qualunquemente, che saliranno di numero con il passare dei mesi.

GoogleRai

Si tratta di una novità assoluta per il player di Mountain View, visto che Google finora aveva soltanto accordi con case di distribuzione cinematografiche tradizionali. Ma non per la Rai, che è già presente su altre piattaforme come iTunes e Cubovision, ad esempio.

Già dal 25 marzo saranno disponibili i primi 180 titoli, altre centinaia arriveranno presto. L’accesso al catalogo di Google Play può essere fatta di qualsiasi device, smartphone, tablet o pc. Una volta acquistato o noleggiato, il film può essere salvato per essere riprodotto offline. In caso di visione in streaming, si può passare indifferentemente da un dispositivo all’altro: per esempio cominciare a guardare una commedia sullo smartphone, mentre si è in treno, e finire di guardarla sul pc o sulla Smart tv di casa.

L’intesa tra Rai e Google è stata presentata nella sala degli Arazzi della sede Rai di Viale Mazzini dal dg Luigi Gubitosi, dall’Amministratore di Rai Cinema Paolo Del Brocco e dai vertici di Google: il Country manager Italia Fabio Vaccarono e il Senior director YouTube e Google Stephen Nuttall. «Per ora questo accordo – ha detto Del Brocco – vale solo per l’Italia ma con Rai Com stiamo ragionando su come fare ad allargarlo. Il nostro obiettivo è dare visibilità al cinema italiano – ha detto Gubitosi – e questo avviene attraverso una miriade di piattaforme commerciali. E’ ovvio che attraverso più piattaforme si riesce a dare maggiore visibilità ma anche a procurare maggiori introiti ai produttori. Con la sola piattaforma Rai non riusciremmo probabilmente a raggiungere gli stessi obiettivi e lo stesso numero di utenti. Ma ciò non vuole dire che non la faremo, ma in aggiunta».

Fonti: Ansa | rainews.it

Scritto da