Netflix sbarca in Francia, ed è già polemica

netflixL’imminente sbarco di Netflix in Francia, previsto per il prossimo 15 settembre, continua a suscitare un mezzo putiferio nel mercato tv transalpino.

La piattaforma tv in streaming on demand ha già annunciato il lancio di una produzione tutta francese: Marseille, la versione di House of Cards ambientata a Marsiglia. Una mossa che ha provocato molti malumori nell’ambiente. L’esordio di una serie targata Netflix in Francia è infatti il primo e fondamentale passo per cercare di sfondare nel mercato francese e concorrere con i colossi della pay-tv come Canal+.

«La tv lineare durerà ancora, poco, ma un po’ durerà grazie allo sport. – ha dichiarato Wilmot Reed Hastings, fondatore e ad di Netflix – Ma di sicuro sprirà nel giro di 20 anni, perchè allora tutto sarà disponibile su Internet. Canal+ diventerà anch’esso un media online».

L’arrivo di Netflix nel cuore del Vecchio Continente ha inoltre destato le ire del governo francese per la questione fiscale. Come Google e Amazon, la piattaforma tv online statunitense ha pensato bene di pagare le tasse in Olanda dove il carico fiscale è inferiore. E ha già rimandato al mittente la richiesta dell’ex ministro della Cultura e della Comunicazione Aurélie Filippetti di saldare le imposte in Francia e di contribuire economicamente al sostegno del sistema nazionale di produzioni audiovisive e cinematografiche.

Secondo Hastings la tv on demand online in Francia creerà comunque lavoro. I piani di Netflix infatti prevedono anche una partnership commerciale con gli operatori tlc francesi, da Orange a Free, per lanciare il proprio decoder.

Fonte: ItaliaOggi

Scritto da