Digitale terrestre Portogruaro: torna il black out dei canali Rai

disagi digitale terrestre veneto orientaleNella città di Portogruargo, ancora una volta, sono scomparsi i segnali dei canali Rai sul digitale terrestre. Dopo i Mondiali di Calcio, negli ultimi giorni sono stati negati agli utenti della città veneta anche i Campionati Europei di Atletica e di Nuoto. Il black out tv non ha risparmiato le strutture ospedaliere della città, lasciando orfani dell’intrattenimento catodico i malati portogruaresi.

Dal novembre del 2010, con il passaggio definitivo al digitale terrestre, la Rai non riesce a fornire un servizio pubblico tv dignitoso a tutto il comune bagnato dal fiume Lemene, nonostante le numerose e veementi iniziative di protesta di associazioni, amministrazioni e della comunità portogruarese.

Proprio dalle vie retrostanti l’ospedale di Portogruaro, nella zona sud della città, è partita l’ennesima protesta da parte dei residenti della zona, con tanto di missiva inviata al presidente della Rai, Anna Maria Tarantola, affinchè si faccia carico di risolvere il problema di ricezione dei programmi Rai nella zona che sta ricalcando i confini del 2010 e coinvolge anche i comuni di Caorle, Bibione, Jesolo, San Giorgio, San Michele e ovviamente Portogruaro per poi lasciare al buio anche molti piccoli centri.

«Ho chiesto l’intervento dell’antennista che mi ha garantito la perfetta efficienza dell”impianto», spiega il promotore della protesta, Renato Salamon, «mi sono rivolto anche al sindaco Antonio Bertoncello che mi ha detto di aver ricevuto altre lamentele e di aver già inviato lettere di protesta agli organi competenti; ho telefonato più volte alla Rai a Venezia che mi ha sempre risposto “faremo presente il problema a Rai Way” ma fino ad oggi però non è cambiato nulla: si vede poco o non si vede affatto. Ho sempre pagato il canone ma ora credo proprio che non pagherò più un servizio informazione che non viene erogato. Mi fa sorridere il fatto che si riceva perfettamente Rai Yo-yo, Rai 4 e Rai 5 ma nemmeno uno dei tre canali principali».

Di questa situazione del portogruarese che ha dell’incredibile, si è fatta carico l’onorevole Sara Moretto, che ha già incaricato il proprio entourage di raccogliere dati ed informazioni tecniche sui disagi che stanno patendo i cittadini. «Alla riapertura delle Camere inizierò la mia battaglia per risolvere una situazione che come Pd, avevamo già iniziato a seguire nella passata legislatura senza grandi risultati», dice l’onorevole Sara Moretto, «nel frattempo ci sono stati grandi cambiamenti ed ora l’esito potrebbe essere diverso, peraltro, oltre che da Portogruaro, mi sono giunte lamentele da realtà turistiche importanti come Caorle, Jesolo, Bibione che meritano attenzione».

Fonte: nuovavenezia.gelocal.it

Scritto da