Pubblicità tv: a febbraio tornano in negativo gli spot (-1%)

tabella pubblicita tv nielsen febbraio 2014Si deve ancora attendere per una vera e propria ripresa della pubblicità. Rispetto a gennaio – febbraio dello scorso anno il mercato perde circa 42,7 milioni di euro (-4,3% rispetto al 2013). La tv chiude il singolo mese di febbraio a -1%, mantenendo una lieve crescita per il bimestre di inizio 2014, seppur molto vicina al pareggio (+0,2%). Ma per il primo trimestre 2014 le aspettative sono positive.

Chi può sorridere, secondo i dati forniti da Nielsen, è solo Sky Pubblicità: 67,5 milioni di euro netti raccolti nel primo bimestre 2014 (+11,7% rispetto al 2013, dopo un +1,9% di gennaio). Mediaset invece continua a perdere, dopo una parentesi positiva di gennaio (+1%): il dato cumulativo parla di una raccolta netta del primo bimestre di 335,3 milioni (cioè – 2,6% rispetto al 2013).

Anche Rai Pubblicità non va meglio. Con un Festival di Sanremo inferiore alle attese, chiude il bimestre a 139 milioni di raccolta (+0,5% rispetto al 2013, dopo il +1% di gennaio). La7 di Cairo passa invece da un +2,9% del gennaio 2014 a un +0,4% nel bimestre di quest’anno, conuna raccolta netta pari a 26 milioni di euro.

Cresce invece l’emergente Mtv, che raccoglie 8,4 milioni e registra un +37% nel primo bimestre 2014. Mentre crolla Deejay Tv, che incassa un -12,8% nel periodo gennaio -febbraio con soli 1,5 milioni di raccolta. In crescita anche Discovery che con i canali K2 e Frisbee registra un raccolta di 2,8 milioni e cresce del 4% rispetto al 2013.

advpubblicita

La Stampa invece conferma la perdurante difficoltà nel raccogliere investimenti pubblicitari, chiudendo i primi due mesi a -16,3% per quel che riguarda i quotidiani e a -14,7% per i periodici. Buoni segnali invece dalla Radio che segna +9% a febbraio e +7,5% per il bimestre. Internet chiude il cumulato gennaio – febbraio a -6,3% rispetto allo stesso periodo del 2013. Ancora in negativi il Cinema, il Direct Mail e l’Outdoor. In generale, nei settori, c’è una frenata da parte degli spender della telefonia.

Fonti : ItaliaOggi | advexpress.it

Scritto da