Digitale terrestre Matera: a Tursi raccolta firme per rimborso Canone Rai

Il Comitato cittadino MuoviAmo Tursi, ha dato seguito all’incontro sul digitale terrestre tenutosi il 26 ottobre scorso, dove intervennero il Presidente regionale dell’associazione di consumatori Adoc e il Presidente del Co.Re.Com. di Basilicata. La popolazione metapontina si è dimostrata molto attenta alla tematica, dato che la televisione è spesso un elettrodomestico fondamentale nell’abitazione di anziani, malati e famiglie.

Considerato che il digitale terrestre rappresenta una problematica di tutto il territorio Metapontino e che la società Rai Way è responsabile degli investimenti necessari affinché la questione trovi soluzione definitiva; nei giorni scorsi il Comitato MuoviAmo Tursi ha recapitato a tutti i sindaci del Metapontino un invito “a predisporre, con gli strumenti più idonei, un’azione coordinata tra tutti i Municipi, affiancati dalle istituzioni provinciali e regionali, per porre la problematica del digitale terrestre nel territorio Metapontino al primo posto nell’agenda della società Rai Way”.

Per conoscenza l’invito è stato inviato anche al Co.Re.Com., all’Adoc, alla Regione Basilicata e alla Provincia di Matera. Starà alla istituzioni prendere a cuore la questione, se vorranno, perché i cittadini fanno il proprio dovere pagando il canone, anche se il servizio radiotelevisivo pubblico non è garantito dalla Rai.

Inoltre, nei giorni scorsi si è conclusa la raccolta firme realizzata dal Comitato MuoviAmo Tursi, su proposta dell’associazione di consumatori Adoc, per chiedere il rimborso del canone Rai che i cittadini hanno pagato nel 2013. In tutto sono state raccolte 107 sottoscrizioni di tursitani titolari di canone che non usufruiscono del servizio minimo che la Rai dovrebbe garantire. I moduli con le firme sono stati consegnati al Presidente regionale dell’Adoc, Nino D’Andrea, che terrà informati i cittadini sul prosieguo della battaglia. Oltre che ricevere il rimborso del canone, l’obiettivo della raccolta firme è pretendere dalla Rai un segnale digitale degno di tale nome.

Infine, il Comitato MuoviAmo Tursi ha richiesto all’Ispettorato Territoriale del Ministero delle Sviluppo economico di verificare, in tempi celeri, quale è il livello e la qualità del segnale del digitale terrestre nel territorio del Comune di Tursi, nella speranza di avere dati certi da presentare ai cittadini.

Lettera firmata da Mario Cuccarese,  Responsabile Politiche sociali, Sport ed Istruzione di  MuoviAmo Tursi

Fonte: sassiland.com

Scritto da