Digitale terrestre Ragusa: canali Rai assenti a Scoglitti. Rai Way: antenne tv inadeguate

Vittoria – A seguito di segnalazioni da parte di alcuni utenti della frazione di Scoglitti, l’assessore al Decentramento, Salvatore Avola, ha contattato l’Ispettorato regionale del Ministero dello Sviluppo economico, per chiedere il potenziamento, in tempi rapidi, del segnale digitale terrestre a Vittoria (Ragusa).

«Ci sono carenze di natura tecnica – ha dichiarato Avola – che attualmente stanno creando parecchie difficoltà, specialmente agli anziani. Non è la prima volta che mi interesso di tale vicenda. In precedenza ho compiuto un primo passo per chiedere al competente Ministero una serie di valutazioni tecniche ed una mappatura del territorio su scala regionale. Successivamente, mi sono rivolto anche al Comitato regionale per le comunicazioni, che ha preso in carico la pratica riguardante Scoglitti, per cui era lecito aspettarsi un sostanziale miglioramento della situazione. In questi giorni, finalmente, la visita di un funzionario del Ministero che, accompagnato da un tecnico di Rai Way dotato di apposita strumentazione, ha proceduto, assieme a me e ad un funzionario comunale, al controllo del segnale».

«I controlli del territorio – ha continuato Avola – in accordo il funzionario ministeriale ed il tecnico Rai, sono stati effettuati in tre punti: centro, Riviera Camarina e Riviera Lanterna ed hanno dimostrato che il segnale ricevuto dalla strumentazione Rai, nei vari punti, era buono e le immagini speciale risultavano nitide. Cionondimeno, rilevazioni in abitazioni private mostravano un segnale scadente o, addirittura, assente. Avendo appurato la differenza tra le risultanze della strumentazione della Rai e l’insistere della scarsezza del segnale nelle abitazioni, ho chiesto al tecnico la ragione, che, secondo quanto mi è stati risposto, riguarda l’inadeguatezza tecnica di gran parte degli impianti e un cattivo direzionamento delle antenne».

«Inoltre il Ministero ha l’obbligo di garantire solo i principali canali nazionali e non quelli locali. Nei prossimi giorni inviterò le associazioni di categoria a stilare un vademecum per gli installatori finalizzato a individuare le pratiche migliori per la sistemazione degli impianti e degli apparecchi tv. Del resto, se Sky funziona benissimo, nonostante la vetustà vera o presunta degli impianti, non si capisce perché il servizio pubblico non debba funzionare allo stesso modo. Intendo, inoltre, chiedere l’intervento di organi istituzionali superiori o parlamentari al fine di dirimere tale questione. Vorrei, infatti, che fossero le istituzioni ad adeguarsi alle esigenze dei cittadini e non viceversa», ha concluso Avola.

Fonte: ondaiblea.it

Scritto da