Tv locali, le misure del Decreto del Fare per le imprese RadioTv

Il 9 agosto u.s., in terza lettura alla Camera, è stato approvato il disegno di legge di conversione del Decreto legge 21 giugno 2013, n. 69, recante disposizioni urgenti per il rilancio dell’economia (c.d. “Decreto del fare”).

Tale provvedimento è stato pubblicato in Gazzetta ufficiale n. 194 del 20 agosto u.s. – S.O. n. 63 ed è ora la legge 98/2013. Come riportato sul TeleRadioFax n. 15/2013 del 27 luglio u.s., la legge di conversione ha eliminato la riduzione degli stanziamenti per gli anni 2013 e 2014 per le misure di sostegno alle imprese radiofoniche e televisive locali, prevista dal decreto legge. Conseguentemente, tali stanziamenti restano confermati nella misura sussistente prima dell’emanazione del Decreto del fare.

Il provvedimento ha, inoltre, introdotto un trattamento fiscale più favorevole per le misure compensative relative alla dismissione dei canali televisivi 61-69 UHF, prevedendo testualmente che “le misure economiche compensative percepite dalle emittenti televisive locali a titolo risarcitorio a seguito del volontario rilascio delle frequenze di cui al decreto del Ministero dello Sviluppo Economico 23 gennaio 2012, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 50 del 29 febbraio 2012, sono da qualificare come contributi in conto capitale di cui all’articolo 88, comma 3, lettera b), del testo unico delle imposte sui redditi, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, e successive modificazioni, e come tali partecipano alla formazione del reddito nell’esercizio in cui sono stati incassati o in quote costanti nell’esercizio in cui sono stati incassati e nei successivi esercizi non oltre il quarto”.

Segnaliamo infine che, durante l’iter di approvazione del provvedimento, nella lettura al Senato, è stato accolto un Ordine del giorno, presentato dai Senatori Stefano (Sel), De Petris (Sel), Uras (Sel), Gambaro (Misto), De Pin (Misto), Petraglia (Sel), Barozzino (Sel), Cervellini (Sel), De Cristofaro (Sel) e sottoscritto, in corso di seduta, anche dai Senatori Scalia (PD), D’Ambrosio Lettieri (PDL), Scilipoti (PDL), Floris (PDL), Perrone (PDL) e Comaroli (Lega Nord), che impegna il Governo a varare, nella Legge di Stabilità 2014, norme a tutela del fondo per l’emittenza locale, recuperando tutti i tagli effettuati e riportando la sua capienza a 150 milioni l’anno a decorrere dal 2014, in linea con quanto già erogato negli anni 2008-2009.

Fonte: TeleRadioFax del 31 agosto 2013

Scritto da