TI Media a rischio svalutazione frequenze tv

Telecom Italia Media potrebbe essere costretta a un nuovo “impairment test” entro l’anno, ossia una verifica sul valore delle attività iscritte a bilancio e della sua congruità rispetto a quanto possa essere recuperato in caso di vendita. Lo scrive il quotidiano ItaliaOggi.

In particolare, la società controllata a Telecom Italia potrebbe svalutare ulteriormente i propri multiplex del digitale terrestre, ormai la sua principale e unica attività di operatore di rete televisivo, dopo la cessione di La7 e Mtv.

Nella relazione finanziaria semestrale si legge infatti che “al 30 giugno 2013 la capitalizzazione di borsa ha raggiunto 125,2 milioni di euro (227,5 milioni di euro al 31 dicembre  2o12). Qualora il titolo assumesse un andamento al ribasso, con conseguente riduzione della capitalizzazione di borsa, la società potrebbe essere obbligata a effettuare nel 2013 un nuovo impairment test, che potrebbe comportare una ulteriore riduzione del valore dell’avviamento iscritto nell’attivo di bilancio”.

L’avviamento è ora di 21,2 milioni di euro. Lo scorso anno TI Media aveva fatto svalutazione per 105 milioni di cui 70 relativi alle frequenze tv.

Fonte: ItaliaOggi

Scritto da