TI Media rinegozia il contratto sulle frequenze con Discovery

Discovery Networks è il primo cliente con 5 canali sui multiplex TI Media.

Discovery e Telecom Italia Media rinegoziano il contratto relativo all‘affitto delle frequenze televisive. Secondo quanto risulta a Radiocor, la trattativa è iniziata nei primi mesi dell’anno – proprio mentre TI Media lavorava alla cessione di La7 a Cairo – e si sta avviando alla conclusione con la firma prevista entro la fine del mese. Bocche cucite sull’ammontare dell’accordo sia da parte della controllata di Telecom sia da parte del direttore generale di Discovery Italia, Andrea Castellari.

Le parti si limitano a parlare di una “armonizzazione” delle tariffe resa necessaria dal rafforzamento di Discovery Italia con la recente acquisizione di Switchover Media (emittente di Focus, Giallo, K2 e Frisbee ) e dalla conseguente esigenza di adeguare scadenze e caratteristiche. Altre fonti a conoscenza della trattativa riferiscono di un aggiustamento verso il basso delle tariffe che comunque non comporta impatti di rilievo sui conti di TI Media. In occasione della trimestrale TI Media ha comunque previsto per il 2013 risultati in linea con lo scorso anno.

La rinegoziazione è stata sollecitata da Discovery principalmente sulla base di due fattori: in primo luogo, il suo nuovo status di primo cliente di TI Media con cinque canali ospitati sui multiplex Telecom (Real Time, D-Max, K2, Frisbee, Giallo); in seconda battuta, una generale contrazione dei prezzi di banda alla luce di una maggiore attivismo di Mediaset nell’offerta – è di questi giorni il passaggio di Qvc ai multiplex di Cologno Monzese – e di una maggiore disponibilità da parte di Rete A, titolare di due multiplex.

Fonte: Il Sole 24 Ore Radiocor

Scritto da