GFK Eurisko: cresce il mercato delle Smart Tv (2)

Esperienza di condivisione e di aggregazione

Lo SMART TV permette, quindi, la percezione di questo strumento, non solo come un utile oggetto “da salotto”, ma un vero e proprio strumento di condivisione. Pensando alle peculiarità smart di un TV, infatti, l’84% del campione lo ritiene un utile strumento di condivisione dei contenuti (foto, video, giochi), che possono passare dall’intimità del proprio smartphone o tablet, a tutta la famiglia, sul grande schermo. Il 76%, inoltre, ne apprezza la possibilità di effettuare video-chiamate, grazie al collegamento ad internet, con un’alta qualità dell’immagine, come se l’interlocutore fosse presente nella stessa stanza, permettendo la condivisione di momenti felici con i propri cari, anche se lontani.

Non a caso, per l’83% degli italiani, lo SMART TV è compagnia: uno strumento che non ci lascia più soli con i nostri contenuti, ma ci permette di condividerli in maniera semplice e veloce con i nostri amici e familiari, grazie anche alla connessione con i social network che per il 65% sono un vero punto di partenza per scoprire e scegliere i contenuti TV da guardare, non solo sulla base di un palinsesto, ma anche grazie ai gusti e ai suggerimenti dei propri amici, riportando il TV al suo ruolo sociale originario di aggregazione e condivisione, permettendo una ricomposizione del nucleo familiare davanti al grande schermo.

Per il 74% del campione, infatti, fondamentali sono le grandi possibilità fornite dall’ecosistema tecnologico, con lo SMART TV al centro, capace di trasformare smartphone e tablet in veri e propri secondi schermi, in grado anche di interagire con lo schermo principale; l’ecosistema è in grado, infatti, di aumentare il potenziale interattivo dell’esperienza TV permettendo, per esempio, di poter utilizzare i social network, da smartphone o tablet, commentando in diretta il proprio programma televisivo preferito con gli utenti di internet, e contemporaneamente di visualizzare lo stream di notizie, direttamente sullo SMART TV, in contemporanea alla visualizzazione del programma in questione.

Contenuti personalizzati e sempre disponibili … tutti da scoprire

La rivoluzione non avviene solamente dal punto di vista dell’esperienza, ma anche nei contenuti. Per il 50% del campione, infatti, la caratteristica principale dello SMART TV è la possibilità di collegarsi a internet. Quello che emerge dai dati, non è un semplice apprezzamento per il web, accessibile anche da molti altri device, ma dalle potenzialità di una navigazione direttamente dal grande schermo di casa che per il 77% del campione, consente un’agevole scelta all’interno di un’offerta immensa di app e servizi, finora non disponibile su un TV tradizionale. Interrogati sull’utilizzo del proprio SMART TV, gli italiani indicano un aumento del 29% della fruizione di programmi in streaming o scaricati da internet, e una riduzione del 42%  del consumo dei programmi live tramessi dai canali tradizionali. Questo dato mette in evidenza un cambiamento del consumo televisivo che si liberà dalla schiavitù del palinsesto grazie alla libertà di scelta consentita dai servizi televisivi on-demand. Questi nuovi servizi permettono l’instaurarsi di un rapporto più personale tra l’utente e il proprio SMART TV che, secondo il 70% degli intervistati, permette la creazione del proprio modo di guardare la TV, personalizzando la fruizione dei contenuti memorizzati dal grande schermo che è in grado di riconoscere i gusti e le preferenze dell’utente.

Nuovi bisogni e abitudini socio-culturali

Dai dati saltano all’occhio alcuni interessanti cambiamenti, non solo nella fruizione dei contenuti, ma anche negli stili di vita e nelle abitudini degli italiani. Si manifesta, per esempio, con l’utilizzo di SMART TV una riduzione del 32% dell’abitudine di mangiare davanti allo schermo: liberati dalle rigidità del palinsesto, infatti, gli italiani sono più liberi di potersi godere la cena in libertà senza perdersi le ultime notizie o il serial preferito. Inoltre, l’indagine conferma ulteriormente la ricerca da parte degli italiani, di strumenti più facili e immediati, che possono aiutarli a risolvere i piccoli problemi della vita quotidiana: il 97% degli intervistati, infatti, associa il proprio SMART TV al concetto di velocità e comodità. Questo proprio per le sue caratteristiche smart e per la sua connettività wireless; tra i maggiori benefici, infatti, per l’84% del campione c’è l’eliminazione di cavi e apparecchi collegati al TV, cosa che aiuta la facilità di utilizzo oltre che maggiore pulizia ed essenzialità. Inoltre, per il 74% del campione è un sollievo poter eliminare telecomandi e decoder vari, risolvendo disordine e fastidi.

Documenti: Smart tv: il prodotto del futuro? (pdf)

Ritorna all’inizio dell’articolo: GFK Eurisco: cresce il mercato delle Smart Tv (1)

Scritto da