La7, Cairo: “La libertà di espressione va difesa”

Urbano Cairo vede «una linea editoriale chiara di La7, quella attuale che condivido». Il presidente di Cairo Communications, durante la conferenza stampa di presentazione dell’acquisto di La7 da TI Media, ribadisce che «la libertà di espressione è una caratteristica della rete e va presidiata e difesa». «Deve esserci una grande protezione dell’autonomia dei giornalisti. Deve esserci grande autonomia e una linea editoriale chiara, come quella attuale».

Il nuovo patron della tv nazionale La7 ha smentito le voci di una possibile apertura a nuovi soci, visto il lock up di 24 mesi sottoscritto al momento dell’acquisto, che gli preclude la cessione di azioni per due anni. «Non credo alle cordate», ha detto Cairo, spegnendo le voci su possibili sinergie con Diego Della Valle, patron della Tod’s, sceso in campo con una manifestazione d’interesse a metà febbraio e disponibile a sostenere l’offerta del fondo Clessidra prima del negoziato in esclusiva di Cairo con TI Media.

«Dopo un lungo periodo di gestazione finalmente siamo arrivati alla conclusione. Per il gruppo Cairo l’acquisizione di La7 è un’operazione importante che si inserisce nel nostro disegno strategico» che ha portato la società a passare da concessionaria di pubblicità a casa editrice di carta stampata e ora anche televisiva. Cairo ha poi ribadito che il deal rappresenta «un tassello importante nella nostra strategia per diventare editori. Il compito è difficile perchè la rete ha dei problemi dal punto di vista economico, ma riscuote grandi successi a livello di ascolti».

«La7 ha dei risultati di ascolto importanti. Il mercato è competitivo ma la rete ha margini di crescita importanti, ha ancora un grande potenziale di ascolti con un target straordinario. E’ l’unica rete che sta crescendo nel primo bimestre dell’anno. Nel prime time è arrivata al 5,4%, con un incremento di ascolti del 45% rispetto all’anno scorso. La7 è una realtà eccezionale, eccellente dal punto di vista degli ascolti e con una qualita’ di target che piace ai nostri investitori e clienti».

A La7 «non ci sono da fare grandi cose, ha già ottenuto risultati importanti e può essere solo migliorata, ma pensare di avere la ricetta in mano senza neanche aver ancora varcato la soglia mi sembr presuntuoso. Tuttavia Cairo ha sottolineato che potrebbe essere realizzato qualche intervento per aumentare gli ascolti nella fascia pomeridiana e potrebbe essere potenziata qualche serata dove gli ascolti non sono così alti». Insomma «interventi mirati e calibrati per migliorare gli ascolti». Per quanto riguarda Mtv«la tv non è mai rientrata nelle nostre intenzioni, – ha affermato Cairo –  non perchè non ci piacesse, ma perche’ l’impegno per La7 e La7d era già sufficiente».

L’obiettivo di Urbano Cairo quindi è riequilibrare i conti con uno stretto controllo dei costi e «non penso oggi ad esuberi ma a dare alle persone delle cose da fare». Così il manager, che si prepara ad elaborare un nuovo piano industriale, risponde ai timori di tagli al personale dopo l’acquisizione da TI Media della rete televisiva in cui lavorano, compresi i giornalisti, circa 470 persone. «Non abbiamo mai tagliato i giornalisti – ha sottolineato Cairo ricordando la ristrutturazione fatta con la Giorgio Mondadori e la politica sempre seguita da Cairo Communications -. Credo che sia possibile fare economie importanti senza stravolgimenti». Non c’é ancora una tempistica per la presentazione del nuovo piano ma è possibile che sia pronto entro giugno.

Fonte: Ansa | TMNews | MF-DJ

Scritto da