Rai e Mediaset escluse dall’asta frequenze tv

Rai e Mediaset escluse dalla gara di assegnazione delle frequenze tv. È questo il suggerimento della Commissione europea, che ha steso un parere, rivelato a MF-Milano Finanza, sulla bozza di provvedimento che l’Autorità per le comunicazioni sta predisponendo per la gara commerciale sui Megahertz del sistema digitale terrestre.

L’indiscrezione clamorosa rischia di capovolgere completamente lo schieramento di partenza dei vari contendenti (soggetti già operanti sulla piattaforma digitale, televisioni analogiche storiche, nuovi entranti) per i multiplex (mux) che il governo Monti conta di assegnare nel prossimo anno, rispetto a quello previsto dal famigerato Beauty Contest del governo Berlusconi.

Nella prima versione della gara delle frequenze, infatti, annullata a inizio anno da Corrado Passera, il concorso di bellezza prevedeva l’assegnazione gratuita delle frequenze per tutti gli operatori dominanti della tv: in ballo c’erano Rai, Mediaset, Telecom Italia, l’Espresso e tutti i soggetti che sarebbero voluti entrare nella nuova piattaforma trasmissiva, come per esempio Sky, che però annunciò di uscire dalla contesa perché non convinta dei criteri messi a punto dal ministro dello Sviluppo dell’epoca, Paolo Romani.

Ora la bozza di provvedimento, che dovrà comunque essere messa in consultazione pubblica alla fine di novembre dopo una riunione prevista per domani all’Agcom, mette un tetto al numero di multiplex (sistemi di canali) che i futuri concorrenti potranno possedere: chi ne ha cinque non potrà partecipare alla gara. Si dà il caso che sia Rai che Mediaset sono già a quota cinque mux, avendo Viale Mazzini cinque multiplex digitali e Cologno Monzese quattro multiplex più un mux in tecnica DVB-H, quella che sarebbe dovuta servire al videotelefonino (che non ha mai preso piede in Italia) e che può essere convertita in digitale (DVB-T).

Stante questo limite, che se confermato potrebbe essere impugnato dai due colossi dell’etere italiano di fronte al Tar, i protagonisti del duopolio rimarrebbero a bocca asciutta, mentre tutti gli altri, da Prima Tv a News Corp passando per Telecom e gruppo Espresso, potranno partecipare alla gara. L’asta, che è destinata a creare scompiglio nel già febbrile mondo della televisione, scosso dai possibili accordi esteri per Mediaset Premium e dai probabili rafforzamenti dell’alleanza Sky-Espresso, prevederebbe un valore di circa 20 milioni di euro di base d’asta per il lotto delle frequenze (si tratta di tre mux) che fanno coprire più del 95% del territorio e che garantiscono un diritto d’uso fino a dicembre del 2017.

Dovrebbe essere prevista una partenza più consistente, intorno ai 50 milioni, per i Megahertz che danno copertura fino all’85% del territorio ma che permettono la fruizione dei diritti d’uso fino al dicembre del 2032 (anche in questo caso tre mux). L’incasso previsto per lo Stato potrebbe aggirarsi intorno a 500 milioni di euro ma dovrebbe tenersi lontano dal miliardo precedentemente stimato da Mediobanca e da quanto incassato dall’Erario tramite la vendita delle frequenze telefoniche LTE (4 miliardi). Nel concreto, il presidente dell’Agcom, Angelo Marcello Cardani, e i suoi quattro colleghi di collegio dovranno decidere se assecondare queste indicazioni procedurali dell’UE o ribaltarne la finalità. Da domani la guerra sulle tv si fa quindi più infuocata.

Fonte: MF

Scritto da