Numerazione LCN: Agcom approva nuovo schema per i numeri del telecomando

L’Agcom ha approvato oggi lo schema per il nuovo piano di numerazione automatica dei canali della televisione digitale terrestre (LCN), recependo gli ultimi rilievi del Consiglio Stato. Ora parte consultazione pubblica.

Lo afferma una nota dell’Autorità: il Consiglio dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, presieduto da Angelo Marcello Cardani, relatore Antonio Preto, ha approvato oggi uno schema di provvedimento da sottoporre a consultazione pubblica riguardante il nuovo Piano di numerazione automatica dei canali della televisione digitale terrestre (LCN).

Il provvedimento fa seguito alla decisione adottata lo scorso 4 settembre con la quale l’Agcom ha prorogato, fino all’adozione del nuovo Piano, l’attuale Piano di numerazione annullato dal Consiglio di Stato con sentenze depositate lo scorso 31 agosto. La bozza di provvedimento sottoposta a consultazione pubblica, che avrà la durata di 30 giorni dalla data di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale, tiene conto dei rilievi formulati dal Consiglio di Stato e dell’esigenza di revisionare il Piano alla luce dello sviluppo del mercato intervenuto dal 2010 ad oggi.

La consultazione pubblica servirà a raccogliere gli orientamenti di tutti i soggetti interessati e sarà affiancata da un’indagine conoscitiva sulle abitudini e propensioni degli utenti della televisione, indagine che sarà affidata ad un istituto specializzato selezionato attraverso procedure pubbliche. In linea con la tempistica indicata, l’Autorità provvederà a concludere il procedimento con l’adozione del nuovo Piano entro 180 giorni dalla data di avvio della consultazione pubblica.

Il Consiglio di Stato aveva dato ragione al Tar del Lazio, che in gennaio aveva chiesto la sospensione dell’LCN. La sentenza, tra l’altro, conteneva la presa di posizione nei confronti di Mtv e Deejay Tv, che secondo il Consiglio di Stato non sarebbero tv generaliste e pertanto non meriterebbero le posizioni 8 e 9.

Fonti: borsaitaliana.it | agcom.it

Scritto da