Multa Antitrust porta in rosso i conti dell’Auditel

L’attività di rilevazione degli ascolti tv di Auditel è sempre la stessa da qualche anno: ogni giorno registra, attraverso 9.500 meter, gli ascolti televisivi basandosi su un panel di 5.163 famiglie. Un business che non conosce discontinuità e che ha un giro d’affari pressochè standard (dai 14,4 milioni del 2006 si è passati ai 17,33 milioni del 2010) al quale fanno da contraltare costi altrettanto costanti (erano 14,3 milioni nel 2006 e sono saliti ai 17,31 milioni del 2010).

Tutto nella norma, scrive MF, per la società presieduta dall’imprenditore Giulio Malgara e guidata dal direttore generale Walter Pancini che infatti nell’ultimo quinquennio ha sempre chiuso il bilancio in utile: dai 61.650 euro del 2006 ai 7.134 euro del 2010. Un trend che sarebbe proseguito anche lo scorso anno se non fosse intervenuta una variabile che ha scombussolato i piani dei manager e provocato uno scossone nel bilancio. I conti del 2011 di Auditel si sono chiusi con una perdita di oltre 896 mila euro a fronte dei ricavi di 18,047 milioni di euro.

Che cosa è accaduto l’anno scorso per portare a questi risultati? Un fatto straordinario che ha costretto i vertici dell’associazione partecipata dai principali gruppi televisivi (Rai, Mediaset, TI Media), dalle Federazioni di categoria (Fieg, FRT, Unicom,Assap e Upa) a scrivere in bilancio una nuova posta (accantonamento per rischi) di 900 mila euro. Variabile che, visto lo storico equilibrio tra ricavi e costi, ha provocato il rosso di gestione.

A costringere il cda Auditel a creare questa riserva è stata la multa (1,8 milioni) comminata il 14 dicembre scorso dall’Antitrust per abuso di posizione dominante. La sanzione è arrivata per mancata pubblicazione giornaliera dei dati per singola piattaforma e delle cosiddette “altre digitali terrestri” e infine, per errata attribuzione dei risultati della rilevazione anche ai “non possessori di televisione“. La sanzione però non è andata giù al board di Auditel che ha presentato appello al Tar del Lazio ma al contempo, “pur ritenendo  fondate le ragioni del proprio ricorso, ha ritenuto comunque di predisporre, in via prudenziale, un accantonamento pari al 50% della sanzione complessiva, confidando in una significativa riduzione della stessa”.

Al momento il Tar ha accolto l’istanza di fissazione anticipata del ricorso ma ha respinto la richiesta di sospensiva della multa. A sollevare la questione era stata Sky Italia, la pay-tv satellitare di Ruper Murdoch che da anni ha chiesto di poter entrare nell’azionariato di Auditel per aver voce in capitolo, ma finora ha sempre ricevuto risposta negativa.

Fonte: MF

Scritto da