La7 in vendita. Cairo, Ben Ammar e De Benedetti in corsa

La notizia non è proprio freschissima: Telecom Italia mette in vendita La7, che oggi controlla attraverso Telecom Italia Media. Da un anno a questa parte Franco Bernabè è alla ricerca di un partner industriale per la società guidata da Giovanni Stella. Ieri mattina la svolta nel Consiglio di amministrazione di Telecom: «Mercoledì (9 maggio) inizia il percorso – dice Stella ai suoi collaboratori – di cessione totale di La7. La procedura non è semplice, entro l’anno, però, riusciremo a vendere».

Il consiglio di amministrazione di Telecom ha un punto di repertorio all’ordine del giorno: valorizzazione proprietà strategiche. Vuol dire che per l’ex monopolista telefonico la televisione è un rametto da tagliare: non tanto per i debiti che continua a produrre, seppur ridotti con l’arrivo di Enrico Mentana e la crescita pubblicitaria, ma perché il canale non serve più. E il sogno del terzo polo tv sfuma definitivamente.

Franco Bernabé, presidente con pieni poteri, per ora non andrà a risanare Finmeccanica, il cui amministratore delegato Giuseppe Orsi, dopo aver vacillato in seguito a un’iscrizione nel registro degli indagati per presunte tangenti, per ora non si dimette. «Guai a confondere questa operazione con il futuro di Bernabé. Non c’entrano nulla», ripete Stella in questi giorni. Comunque sia, Bernabé ha ancora tempo, in Telecom, per gestire due partite delicate: difendere la rete, lucrosa infrastruttura che Telecom gestisce ancora da monopolista, dagli assalti liberalizzatori di una parte della politica ispirata dai concorrenti. E sciogliere il nodo de La7, asset marginale su cui il gruppo investe poco.

Nel bilancio 2011 Telecom ha svalutato di 45 milioni la partecipazione in TI Media (77,71%) , portando il valore di carico a 176 milioni, ancora superiore al valore di mercato. Valorizzare la partecipazione, cioè venderla, sarebbe negli interessi degli azionisti a monte di Telecom, soprattutto di Mediobanca, che quest’anno si sono dovuti accontentare di dividendi risicati causa crisi, proprio quando ne avrebbero avuto più bisogno. Stella ha ventilato l’ipotesi di una gara al rialzo, contrapponendo i diversi pretendenti per evitare la svendita. Oggi fa sapere ai suoi che «ci sono almeno un paio di proposte d’acquisto, sennò avremmo atteso». Tecnicamente, scrive il Corriere della Sera, sarà un deconsolidazione di TI Media (con La7, Mtv, e TIMB la rete di torri di trasmissioni) dai bilanci di Telecom. L’ad di TI Media confida anche che potrebbe restare in sella se tra i nuovi proprietari ci fosse Urbano Cairo: la Cairo Communication raccoglie la pubblicità per La7 con un contratto molto vantaggioso, per Cairo, che ha beneficiato dall’exploit degli ascolti. E ha accumulato risorse che ora può investire nel capitale della società.

«Cairo in corsa? Bisogna chiedere a lui», rispondeva ieri Stella alle richieste di chiarimenti dopo la diffusione di indiscrezioni sul sito Dagospia . L’altro pretendente, magari da a affiancare a Cairo, è il franco tunisino Tarak Ben Ammar, amico e socio di Silvio Berlusconi, da anni anche uomo Mediobanca (siede nel cda) e quindi perfetto per l’operazione . La novità di queste ore, però, è che Carlo De Benedetti ha detto esplicitamente di essere pronto a entrare nella trattativa: «Un anno fa ci pensavo ma Bernabé preferì tenere il giocattolo anche se la sua azienda si occupa di telefonia. Oggi la crisi ha mutato lo scenario. Credo che oggi dovrebbe essere Bernabé a venirmi a pregare», ha spiegato l’impreditore torinese.

Il gruppo l’Espresso sarebbe pronto a riversare i suoi due mux in una nuova società infrastrutture tv alla quale Telecom Italia Media darebbe i suoi tre mux più l’opzione per un quarto. Di questa nuova società l’Espresso avrebbe circa un terzo. E per poterla deconsolidare dai propri conti, Telecom Italia dovrebbe anche vendere una parte della propria partecipazione a uno o più investitori istituzionali. Resterebbe La7-Mtv, di fatto l’unica rete in chiaro che sfugge al duopolio Rai-Mediaset e che verrà ceduta.

Anche il gruppo di De Bendetti, che formalmente è guidato da suo figlio Rodolfo, si occupa d’altro, editoria, e le sue esperienze in campo televisivo (ReteA e RepubblicaTv) hanno lasciato circatrici dolorose nei bilanci del Gruppo Espresso. Ma per De Bendetti in campo editoriale la passione conta più dei numeri e adesso vuole provarci. Alcuni osservatori maliziosi hanno anche notato la durezza di Repubblica di questi giorni sull’uscita di Luca Luciani da Telecom, il top manager indagato per una vicenda di sim false e fatturati gonfiati. Una linea soprendente nel quotidiano di Ezio Mauro che finora era stato l’interlocutore privilegiato della Telecom nella gestione di Bernabé. Ma alla vigilia del cda che aprirà la procedura di vendita, De Benedetti deve aver deciso di togliere i guanti.

Sul tema nei giorni scorsi ha detto la sua anche il direttore del Tg di La7 Enrico Mentana: «La vendita di La7 è possibile perché è tecnicamente contendibile». Telecom, proprietaria del canale, «è quotata in Borsa ed è risaputo che per gli attuali dirigenti di Telecom il canale televisivo non è un asset strategico. La vocazione di Telecom Italia è la telefonia».

Fonte: Il Fatto Quotidiano | Il Corriere della Sera

Scritto da