TI Media: ricavi in calo nel 2011. Stella: “Riequilibrio La7 rimane obiettivo prossimi anni”

Telecom Italia Media chiude il 2011 con ricavi a 238,2 milioni di euro, in diminuzione di 20,3 milioni di euro rispetto all’esercizio 2010. L’andamento è stato caratterizzato da una significativa crescita della raccolta pubblicitaria dei canali La7 (+32,1%), grazie alla quale è stata parzialmente compensata la riduzione dei ricavi dell’Operatore di Rete TIMB e di Mtv.

L’Ebitda è positivo per 28,0 milioni di euro, in miglioramento di 14,8 milioni di euro rispetto all’esercizio 2010 (13,2 milioni di euro). L’Ebit e il Risultato Netto risentono dei risultati dell’impairment test effettuato al 31 dicembre 2011 che ha comportato una svalutazione dell’avviamento a livello di Gruppo di 56,7 milioni di euro, attribuibile alle business unit Mtv e Operatore di Rete TIMB. L’Ebit è pari a -87,4 milioni di euro, in diminuzione di 41,4 milioni di euro rispetto all’esercizio 2010 (-46,0 milioni di euro). Il risultato netto è pari a -83,0 milioni di euro, in diminuzione di 28,6 milioni di euro rispetto all’esercizio 2010 (-54,4 milioni di euro).

«Il riequilibrio economico-finanziario di Telecom Italia Media e in particolare di La7 rimane l’obiettivo del gruppo per i prossimi anni, nonostante il miglioramento dei risultati degli ultimi esercizi». E’ quanto ha affermato l’amministratore delegato, Giovanni Stella, nel corso dell’assemblea annuale degli azionisti. Nonostante un 2011 “terribile” per l’economia italiana, ha detto Stella, i miglioramenti conseguiti dalla società sono abbastanza soddisfacenti, grazie al lavoro svolto da tutti e che ha permesso di raggiungere “obiettivi sifdanti”. Ma, ha proseguito Stella, «il percorso di riequilibrio economico non è ancora terminato, in particolare quello per La7 rimane uno degli obiettivi per i prossimi anni, i passi da fare sono ancora molti ma quanto fatto in questi anni sarà la base di partenza».

Nell’ambito del progetto di ristrutturazione di Mtv Italia, il 2012 vedrà il passaggio al socio Viacom di alcune attività ritenute no core, tra queste i canali Nickelodeon (per bambini), Comedy Central e i canali satellitari musicali sulla piattaforma Sky. «Nel corso del 2012 proseguirà il processo di ristrutturazione di Mtv che la porterà ad assumere le caratteristiche di un’offerta più generalista – ha detto Stella – Sarà effettuato un significato piano di investimenti in contenuti e marketing, accompagnato da un ampio piano di ristrutturazione».

Fonti: TMNews | corrierecomunicazioni.it

Scritto da