Nielsen: gennaio 2012 pubblicità a -7,1%. Internet cresce a +10,3%

Si apre con il segno negativo il mercato italiano degli investimenti pubblicitari analizzato da Nielsen. Gennaio 2012 chiude a -7,1% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente, per un investimento complessivo, a totale tipologie di comunicazione, di circa 545 milioni di euro.

La televisione, considerando sia i canali trasmessi in analogico e in digitale terrestre, sia quelli satellitari (marchi Sky e Fox), a gennaio ha fatto registrare una diminuzione del -6,3%. La stampa in calo, nel primo mese dell’anno, perde il -8,9% sui quotidiani e il -14,5% sui periodici. Cresce internet, che con 44,236 milioni di euro sale a +10,3%. Positivi anche gli investimenti in outdoor e out of home tv, mentre diminuisce la spesa anche su direct mail e radio.

Confermato nel primo mese del 2012 l’andamento negativo riscontrato nei mesi precedenti per quasi tutti i principali settori merceologici: resta stabile il settore automobilistico (-0,2%), in calo anche la cura persona dopo l’ottimo andamento dell’anno appena trascorso. Continua a pesare il calo d’investimenti nel largo consumo, in particolare alimentari (-6,6%) e bevande/alcoolici (-22,2%). Debole raccolta dalle aziende di telecomunicazioni e distribuzione. Tra i primi dieci settori del mercato pubblicitario italiano fanno registrare variazioni positive i farmaceutici/sanitari (+20,0%) e il settore finanza/assicurazioni (+19,9%). (pubblcitaitalia.it)

Scritto da