Switch-off Toscana: nel Mugello si teme l’oscuramento tv

Da giovedì 10 novembre arriva lo Switch-off del digitale terrestre nel Mugello. (Qui tutte le date dello Switch-off in Toscana) Ma nel prossimo fine settimana molti abitanti della regione potrebbero realisticamente rimanere al buio. Senza tv.

Il territorio dell’Alto Mugello e del Mugello infatti è disseminato di ripetitori tv “non ufficiali” installati dalle Comunità Montane, dai Comuni o dai comitati di privati cittadini, stazioni tv che in questi giorni non potranno essere adeguate alle trasmissioni digitali. «Ma finchè non si spegneranno tutti i canali analogici, non si potrà sapere con esattezza quali aree rimarranno oscurate» afferma Giovanni Bettarini sindaco di Borgo San Lorenzo. «Destano maggiori preoccupazioni i comuni e le frazioni di Polcanto, Casaglia, Razzuolo, Grezzano, Salaiole. In questi luoghi i ripetitori sono “illegali” – spiega il sindaco – installati alla buona, senza autorizzazioni». «E il passaggio al digitale sarà l’occasione per regolarizzare». Ma si dovrà attendere molto tempo.

Nella zona di Fiorenzuola sono a rischio oscuramenti i comuni e le frazioni di Traversa, Covigliano, Cornacchia. «Esistono finanziamenti regionali – afferma il sindaco di Fiorenzuola, Claudio Scarpelli – ed è necessaria l’autorizzazione del Ministero» per chiedere ed effettuare l’istallazione di ripetitori per il digitale terrestre a norma. Ma nel comune montano e nelle valli attigue del Santerno, a Coniale, San Pellegrino, Piancaldoli, gli abitanti sono da tempo abituati alla scarsa copertura tv e si sono attrezzati a ricevere i canali satellitari con decoder e parabola.

Migliore è invece la situazione del Comune di Palazzuolo, alla vigilia della transizione digitale, dove è stato installato un nuovo ripetitore di Mediaset in cima al Monte Tre Croci, ed è già pronto quello della Rai sul Monte Cufolone, che garantiranno la copertura tv in un’area che da 10 anni era servita solamente da stazioni di fortuna installate dallo stesso Comune. «Abbiamo ottenuto – spiega il sindaco Cristian Menghetti – un contributo europeo di 10 mila euro che potremo utilizzare in futuro nel caso di scarsa copertura tv del capoluogo, in modo da integrare i segnali coi ripetitori ufficiali di Mediaset e Rai».

Fonte : La Nazione

Scritto da