Switch-off Toscana: pubblicate le graduatorie per le frequenze delle tv locali

Il Ministero dello Sviluppo Economico – Dipartimento per le Comunicazioni ha pubblicato, col solito abissale ritardo, le graduatorie per l’assegnazione delle frequenze in tecnica digitale terrestre per le emittenti televisive locali della regione Toscana, area tecnica che dal 7 di novembre sino al 23 novembre 2011 eseguirà lo Switch-off.

Nonostante gli appelli rivolti al dicastero dalla Regione Toscana per un eventuale rinvio del passaggio al digitale nel 2012, transizione che produrrà con tutta probabilità gravi disagi alla popolazione, soprattutto dei comuni montani, e ingenti danni alle tv locali, il Ministero va avanti imperterrito, assegnando la suddivisione dello spettro elettromagnetico, condizionato dall’esproprio dei canali tv 61-69 UHF già venduti alle compagnie telefoniche.

La classifica redatta dal Ministero ha assegnato solo 18 frequenze alle emittenti private regionali toscane, che potranno mantenere i propri mux, in un settore che conta ben 44 emittenti locali attive (56 emittenti invece avevano fatto domanda). Il ritardo nell’assegnazione dei canali, e l’impossibilità del controllo delle trasmissioni sul territorio per le emittenti private delle frequenze, potrebbe influire sui tempi utili dell’adeguamento tecnologico digitale delle tv, e sulla loro effettiva copertura delle trasmissioni nella regione.

Prima tra tutte si è classificata RTV 38, seguita al secondo posto da Toscana Tv di Prato e Teleroma 56; al terzo gradino sono arrivate Telemondo, E21 Network e Studio Nord. Le altre tv orfane dei canali (se ne contano 19) saranno costrette a farsi veicolare su multiplex di terzi, con affitti calmierati (must carrier). Alcune stazioni tv si sono associate per evitare di perdere il controllo del multiplex. Di seguito la classifica delle tv locali toscane stilata dal Ministero e dal Corecom, che determina quali emittenti potranno mantenere il controllo delle frequenze e rimanere perciò operatori di rete e quali invece dovranno spostarsi su altri multiplex, e che definirà anche i termini per l’assegnazione dei numeri automatici del telecomando (LCN) del digitale terrestre:

Scritto da