Current Tv non si spegne e va verso il digitale terrestre

Si prospetta un nuovo modello di businnes per Current sul web e un approdo forse sul digitale terrestre. Il direttore di Current Tv, Tommaso Tessarolo, è al lavoro in questi giorni d’estate proprio per dare continuità alle trasmissioni di un canale che il 31 luglio lascerà la piattaforma Sky, anche se l’emittente fondata da Al Gore è stata, in occasione di alcuni eventi, la prima emittente in termini di share del bouquet satellitare.

Una soluzione possibile è costituita dalle future produzioni tv di Michele Santoro che potrebbero essere concesse sia a Current sia alle reti di Mediapason di Parenzo. «Credo che Santoro si muoverà proprio così, senza concedere esclusive – dichiara Tessarolo al quotidiano Italia Oggi – in una formula che ci consente di sostenerci economicamente. Non credo invece in quella tv di cui ha parlato nei giorni scorsi Carlo Freccero (direttore di Rai 4), una tv senza editore, libera, sul web. Quel tipo di tv oggi non può funzionare economicamente, ci sono ancora poche risorse su Internet. E non ci sono altri personaggi come Santoro che possono organizzare iniziative come Tutti in Piedi! e Raiperunanotte».

E’ sicuro comunque che il 31 luglio Current si spegne su Sky, una scelta manageriale che secondo Tessarolo non è dipesa da Sky Italia, ma bensì da politiche aziendali della News Corp. Current Tv terrà sicuramente aperto il suo canale sul Web, come business parallelo, ma Tessarolo ribadisce che solo su Internet il canale non può raccogliere sufficienti risorse economiche per sostenere un palinsesto televisivo. «Stiamo lavorando per portare Current sul digital terrestre. Ci sono trattative in corso, ma nulla di deciso in vista». Le proposte di alcuni partner tecnologici e delle offerte pubblicitarie sono già sul tavolo di Tessarolo. Le difficoltà stanno nel trovare un vero e proprio editore. Dal 1° agosto, quando si spegneranno i segnali su Sky, secondo Tessarolo sarà più semplice trovarlo.

Scritto da