Switch-off Toscana. Comuni montani: “tutelare cittadini e tv locali”

Passaggio da analogico a digitale terrestretutelare cittadini e tv locali. Sono queste le richieste del consiglio comunale di Londa che sull’argomento ha approvato all’unanimità un ordine del giorno. Nel documento si spiega che, il passaggio dalla TV analogica al digitale terrestre è stato anticipato dal 1 semestre del 2012 al secondo semestre 2011, mettendo in difficoltà sia i cittadini, che dovranno dotarsi o di un decoder o di una televisione che può ricevere il nuovo segnale, che le TV locali che dovranno dotarsi di nuovi e costosi apparecchi per inviare il segnale.

Il consiglio comunale di Londa esprime la sua preoccupazione per l’anticipo di questo passaggio, soprattutto per le zone montane e marginali e per alcune categorie sociali (anziani, extracomunitari) che rischiano di rimanere fuori da questo cambiamento. Tutto ciò, metterebbe a rischio alcune fasce di cittadini e potrebbe venir meno il loro diritto all’informazione. Per questo il consiglio comunale ha richiesto ad UNCEM Toscana, come rappresentante degli enti montani, di esprimere queste preoccupazioni ai livelli istituzionali superiori, ma si appella anche alla Regione Toscana invitandola ad avere una particolare “sensibilità” in questo processo per le aree montane e rurali ed al Governo di dare notizia in modo tempestivo riguardo alla data di switch-off, valutando anche l’ipotesi di riportare la data del passaggio al primo semestre 2012, come precedentemente prestabilito.

Scritto da