Relazione Antitrust: adeguare al Web normativa su copyright

Il presidente uscente Agcm, Antonio Catricalà, nell’annuale Relazione dell’Antitrust di stamane, ha dato un’estrema importanza al Web e alla rete Internet, sottolineando l’esigenza della revisione della regolamentazione in materia di proprietà intellettuale on-line.

«Il caso Google News, – si legge nella Relazione – che ha consentito agli editori di selezionare e rimuovere i contenuti dal servizio di Google senza per questo essere esclusi dalla più generale visibilità sul motore di ricerca, è servito a riportare alla ribalta il tema del diritto d’autore. L’Antitrust ha inviato una segnalazione al Parlamento e al Governo chiedendo che venga rivista la normativa sul copyright, adeguandola alle innovazioni tecnologiche ed economiche del Web. Serve una legge nazionale che definisca un sistema di diritti di proprietà intellettuale in grado di incoraggiare forme di cooperazione tra i titolari dell’esclusiva e i fornitori di servizi innovativi».

Il presidente dell’Antitrust ha dichiarato che nel mercato «c’è un oggettivo squilibrio tra il valore che la produzione editoriale genera per il sistema di Internet nel suo complesso e i ricavi che gli editori on-line sono in grado di percepire. Una nuova regolamentazione, vista la dimensione sopranazionale del fenomeno, deve essere promossa dalle Istituzioni italiane anche presso le opportune sedi internazionali, a cominciare dall’implementazione del piano d’azione della UE per la proprietà intellettuale presentato il 24 maggio di quest’anno». (Corriere delle Comunicazioni)

Scritto da